Duorme, te scite e campe sunnanno!

2012

Doje stelle lucente pàrene st’uocchie
quanno s’arapeno ind' 'a matenàta
quanno se scordano d' 'e 'ccose vecchie
e accummenciano a pittà n’ata jurnata .

Cerco cu’ ‘a mano ‘e 'ddete toje belle
sott’ ‘e 'ccuperte, ammiez ‘e 'llenzòle,
‘e 'ttrovo, e s’astregneno comm’ ‘e patelle
n’ coppa ‘a nu scuoglio sott’ ‘o sole.

‘Na luce trase pe’ 'ddint‘ 'a fenesta
ca mèza stà aperta e mèza stà chiusa;
me guarde e, comme se fosse ‘na festa,
me vase, e io sento 'a campana ‘ra chiesa.

“Buon giorno, buon giorno ammore!”
chianu, chianu me dici ind' 'a 'recchia.
E io cu 'sti 'pparole scritte cu' 'o core
te dico: "Cu' 'tte, me voglio fà viecchio!"
Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA67561
  • Codice personale:DTS12
  • Tecnica:Doje stelle lucente pàrene st’uocchie quanno s’a
Informazioni sulla vendita
  • Disponibile: no
PROPOSTA D'ACQUISTO
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci la tua proposta in euro
Inserisci un messaggio
Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Raffaele Di Meglio) Commento pubblico o privato


  • Codice:GA67561
  • Tipo:Poesia
  • Creata nel:2012
  • Archiviata il:venerd� 07 settembre 2012