O MALATO

1997

Camice bianche, addore d' ospetale
crocerossine c'a divisa blu
liett' chin'e ggente ca sta male
e miez' a chisti ccà ce stevi tu

Stivi assettato annanz'a 'na fenesta,
cu l'uocchie russi pierz' int'o bacante,
stiv' aspettanno pe' te fa' na lastra:
t'aggiu notato miez'a tutte quante.

A chella vota songo riturnato,
pe' te veni' a truvà, quasi ogni juorno
o tujo passato tu m'hai raccontato
e nu poc'e morte t'aggiu levato 'a tuorno

Cu e mmane secche, o sguardo scavato,
parlavi di bellezza e giuventù!
Mai ca t'avissi visto disperato...
o meglio esempio me l'hai dato tu!

Mò ca sì ghiuto o lietto s'è svuotato
ma quacche vota i' ritorno ancora
nell'ultim'aria ca tu hai respirato
e l'uocchie tuje m'e pporto dint'o core!
Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA56046
  • Tecnica:Camice bianche, addore d' ospetale crocerossine c
Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Recitautrice) Commento pubblico o privato


  • Codice:GA56046
  • Tipo:Poesia
  • Creata nel:1997
  • Archiviata il:mercoledì 31 agosto 2011