2007

Ha scritto di me

 ALESSIA FERRARI: LAUREATA IN BENI ARTISTICI TEATRALI CINEMATOGRAFICI E IN STORIA DELL’ARTE CONTEMPORANEA
Vittoria Salati si distingue soprattutto per la passione che dimostra nei confronti del suo lavoro. Probabilmente è proprio questa dedizione che l'ha portata a raggiungere livelli altissimi di qualità nelle sue opere.
La tecnica utilizzata è originale, sciolta, piacevole, le sue tavole sono innanzitutto opere da ammirare. Sono tre, a mio avviso, le dominanti della sua arte: materia, artigianato, estetismo.
L'artista dimostra di aver colto la lezione materica del Novecento, che, rompendo con la tradizione pittorica, aveva distrutto il concetto di tela bidimensionale. La Salati utilizza tavole di legno di media grandezza, incise e dipinte; l'interesse plastico è dimostrato anche da alcuni inserti polimaterici, ad esempio cordoncini.
 Come essa stessa tiene a precisare, la cornice è parte integrante dell'opera, e spesso le figure 'sfondano' questo confine, oltrepassando i luoghi comuni dell'arte. Questa impostazione plastica risulta però fruibile da qualsiasi pubblico, a differenza di tanta arte novecentesca, in quanto torna a legarsi alla figurazione.
I contenuti sono infatti semplici figure perfettamente ritratte, soggetti in cui l'estetismo si unisce ad un sentimento sincero. Le graziose madonne, ad esempio, non si avviluppano nella retorica. L’uso del color oro ci ricorda le tavole commissionate in epoca tardo medievale
Siamo di fronte ad una sintesi raffinata e comunicativa.
Vittoria riesce quindi a semplificare la figura senza perdere eleganza e particolari. Colpisce sicuramente l'umiltà con cui si accosta all'arte, evitando snobismi, cosa che le permette di imparare lezioni preziose dall'artigianato e dalle arti minori.
 Questa è, a mio parere, una delle chiavi di lettura della sua opera. Nelle sue tavole incontriamo citazioni di comuni tecniche decorative, riprodotte artisticamente o integrate nell'opera.
Essa stessa ammette di aver fatto tesoro delle sue esperienze, sfruttando le conoscenze maturate per arricchire il suo personale processo creativo.
Questo linguaggio è sicuramente appetibile, ma nasconde molta consapevolezza del mondo dell'arte e della vita. Per questo, e sicuramente anche grazie alla sua determinazione, la signora Salati sta ricevendo l'attenzione che merita.
NOVEMBRE 2007 

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Vittoria Salati ) Commento pubblico o privato
Cliccando su "invia il messaggio" accetto che il mio nome e la mail vengano salvate per la corretta erogazione del servizio