LEONBLAS Painter and poet, Calabrian by origin and spirit, however Tuscan-Aretine by adoption, Leonardo has entered the world of pictoric art as a self-taught artist during the 1990’s. Presently, he is a member of the prestigious Accademia Petrarca di Lettere Arti e Scienze (Petrarcan Academy of Letters, Arts and Science) ( The main characteristic of Leonblas’s work is the emphasis placed on the cromatic factors that enhance the figures, objects or situations that are being represented. The end result is a world that is totally different from the reality of everyday life of common and ordinary men. Here, we can see an artist who tries to go more in depth and uncover a visibility that doesn’t have to do anything with external emotion, but with intuition, sensibility and the exhaltation of research as well as that of rebellion. The artist escapes from all sorts of rhetorics in order to face events. There are no objects or characters, but situations in a constant association with ideas, gestures and colours. The fluidity of signs or gestures is contained in an allusive space which is sometimes simply mental and could represent a hypothetic and equally true reality. The brush strokes move following a certain rhythm, in search of the intimate, of what’s hidden very deep. Colours are kept dull and are rich of unique ‘chiaroscuro’ expressions of faces, torsoes and architecture. The main force of Leonblas derives from this sort of imagery. He’s an artist who is full of acquired and spontaneous values that reflect the authentic temperament in the vortex of an adventure which knows nothing of pauses and uncertainties. He transmits a mesage that deals with the values of art. In it we can see the great capacity he has to convey them. This message is an outcry which lacerates through all the periods of our history and which art re-proposes in order to identify the ideals of the spirit. This is the art of Leonblas, an effort which originates from an intense emotional force, through high quality paintings accomplished exceptionally. During an important ceremony to the Prince of Venice, Leonblas received the Premio Biennale di Venezia– Rialto in 2005, with the following comments: “Expressionism of intense psychological sensibility”. (Giorgio Falossi in “Italian painters and sculptors Novecento – 2006”- edited from Quadrato) “ The coherence (I would like to imply stylistic, but I think that in this case it would be better to use a more appropriate term: ethic) which Leonblas shows in his different forms of creative expression is almost absolute. I cannot ignore the operant conditioning produced by his poetic language, nor the content suggestions present in the chromatism, forms, and above all in the pages where some pictures are reproduced in his sillogy “Le voci dell’Elicona.” That is why I rely on these works equipped with a true “vade-mecum” of those codes provided by the author. Nevertheless, substantial pulsions of extreme significance are concentrated here. If the figure is enveloped by its own mistery and its same millenary cultural roots, linked to a book which is revealed to us in an almost iconic form, I can see that each theme manifestation of Leonblas - from atemporal antiquity to the painful fractures of the modern - is summarized and condensed in a figural allusion which is a person and a mountain at the same time. In the proposal of symbolic ignition of colours (filled with qualities that are also cabalistic, in terms of framing shades going from green to red, to a neutral background as every detail in the picture), I recognize an inclusive silence of granular historical implications which also represent a question which History cannot respond to at present, or perhaps doesn’t know how to respond as yet. This causes the human paradoxical implications which are dramatically highlighted here. Furthermore: is that a male or female figure? If so, what would the difference be? Nothing. The question is only an ulterior alarm emanating from the authentic power of a pictorical vision which in the end becomes assimilated into biblical messages (and to the Gurre-lieder) of Arnold Schönberg.” (Rodolfo Tommasi in “Vetrina del Premio Arezzo” – Helicon Editions) “…Essence and appearances: two terms – the second one is in plural form – in whose cocoon the wings of inexpressible truth of shadows flutters. These are confessions without an interlocutor, of removed psychological slavery, of nostalgia for the unknown (or the infinite, as Carducci once wrote). They are all agitated by the sacred hermetism of the icons or fetishes, just as in De Chirico’s metaphysical realism, Homer’s verses or Kafka’s thoughts. Today, this definitely essential exhibition event forces one to stop beyond the threshold of the awarness of our thoughts both, in their chaos and in their clarity through the eye-blinding effect of Leonblas’s black and white (sometimes the identity of black is definitely reflected on white and viceversa); in the traits of the physiognomy of his faces and body shapes, in the àngor which delineates them…” (Rodolfo Tommasi – December 2005) “…the paintings of Leonblas…are based on situations and not on characters....Despite being barely recognizeable, they give a sense of image characterized by a dull, dense and dynamically applied colour. Far from seeming rhetorical, Leonblas's paintings convey a message which is not deprived of references to solitude, to the dramatic nature of certain actions and situations. All of this is shown through an ...” (Liletta Fornasari in “La Nazione di Arezzo – Friday, December 18, 2005” “... One can absorb a scrupulously analytical and cerebral depiction. An air of atemporal suspension can be felt, almost as if we were allowed to enter that world in our tiptoes; that is, the world of the artist: Leonblas. In any event, this doesn't lead one to exclude another kind of pictorial organization. In the works of Leonblas, there is something like the echo of a lietmotiv: a circle or sphere. It is as if he wanted to transmit to us the non stop nature and wisdom of the passagge of time, the knowledge of how to find beauty in small things: how to take back our ownership of the flavour of play. Therefore, please have a look at other works (always keep in mind that Leonblas is a self taught painter) such as 'Il gioco del cerchio (The game of the hoola hoop)','La città delle sfere (the city of Spheres)' and 'La musica al riposo ( Music at rest)', where what was just explained could be clearly seen; something with De Chirichian connotations, but where it is also possible to find, in the perfect chromatic compilation, affinities with the great Wassily Kandinky. We can recall a plausible example in the painting 'Paesaggio con campanile (Landscape with a bell tower') because there was an ample study of the geometric shape of the circle by this artist. The artistic beauty of Leonblas is knowing how to draw from tradition, knowing how to re-elaborate it concretely, creating in this way new techniques of splendid pictorial art...'Valeria S.Lombardi - Doctor in History of Contemporary Art. Leonblas Leonblas Italian live in Tuscany - Arezzo About the Artist Leonblas is an artist who surprises and fascinates spectators. Good at all pictorial techniques and sketches, he passes through different styles and periods, and he creates different work that sometimes seems in contrast between themselves, but they are only the natural consequence of his pictorial research. Leonblas's style of painting is born directly from soul: it is pure and sincere. In his pictures, we can find slim colors and a suspended and typical atmosphere, with knowledge of dreams and desires. We can find female figures: the mystery and the amazement of a fantastic and rich world of emotions. Click to enlarge images (if larger image has been loaded) Maschere 2005 oil 100x70 cm Solitarie meditazioni 2007 40,5 x 60 cm La città delle sfere 2004 oil 70x57 cm Extra time in vite riflesse 2007 oil cm 38,5x29,7 La musica al riposo 2006 oil 41,5x60 cm La città della musica 2006 oil 110x80 cm Education and biography LEONBLAS Liestal (Svizzera), 1969 Calabrese di origine e di spirito, ma anche toscano-aretino di adozione, pittore e poeta, si approccia all’arte pittorica come autodidatta a partire dagli inizi degli anni Novanta. Socio della prestigiosa Accademia Petrarca di Lettere Arti e Scienze ( La pittura di Leonblas si precisa nei suoi caratteri per l’accentuazione di quei fattori cromatici che mettono a fuoco figure, oggetti o situazioni rappresentate. Ne nasce un mondo che all’uomo comune non appare, distratto della realtà del quotidiano. Ed ecco l’artista che scava, scoperchia per una visualità che non è emozione esteriore, ma che si introduce con l’intuizione, con la sensibilità, con l’esaltazione della ricerca ed anche della ribellione. L’artista fugge da qualsiasi retorica, per dare un volto agli avvenimenti. Non vi sono oggetti o personaggi, ma situazioni in un rapporto costante tra idea-gestualità-colore. La fluidità del gesto è contenuta in uno spazio allusivo, qualche volta solo mentale che può essere una realtà ipotetica ed ugualmente vera. Le pennellate si muovono secondo un certo ritmo, cercando l’intimo, il profondo celato. Il colore si mantiene cupo, ricco di chiaroscuro, qualche volta unico, con messe a fuoco di volti, torsi, architetture. Di qui la forza di Leonblas, un artista carico di valori acquisiti e spontanei, che bene rispecchia il temperamento autentico nel vortice di una avventura che non conosce né pause, né incertezze, per un messaggio che riguarda i valori dell’arte e la sua capacità di comunicarli. Un messaggio che è il grido che lacera tutti i tempi della nostra storia e che l’arte ripropone per individuare gli ideali dello spirito. E’ questa l’arte di Leonblas, un impegno originato da una forza emozionale, prorompente, in una pittura di eccezionale realizzazione e qualità. Nel 2005 riceve, nel corso di una importante cerimonia al Principe di Venezia, il Premio Biennale di Venezia – Rialto, con la seguente motivazione: “Espressionismo di intensa emotività psicologica”. (Giorgio Falossi in “Pittori e scultori italiani del Novecento – 2006 “- edito dal Quadrato) “…La coerenza (vorrei dire stilistica, ma credo in questo caso sia meglio usare un più appropriato termine: etica) che Leonblas dimostra nelle sue diverse forme di espressività creativa è pressoché assoluta. Non posso sfuggire al condizionamento prodotto dal suo linguaggio poetico, né ai suggerimenti contenutistici presenti nel cromatismo, nelle forme e soprattutto negli spazi dei quadri riprodotti nella silloge “Le voci dell’Elicona”, per cui mi accosto a quest’opera provvisto di un vero “prontuario” circa quei codici forniti dall’autore. Tuttavia, qui si concentrano pulsioni sostanziali di estrema significazione: se la figura avvolta (fasciata) del suo stesso mistero, della sua stessa millenaria radice culturale, stringe un libro che a noi è svelato quasi in forma di icona, vedo che ogni manifestazione tematica di Leonblas, dalla atemporale antichità alle dolorose fratture del moderno, si riassume e si addensa in un’allusione figurale che è persona e insieme montagna; e nella proposta in accezione simbolica di colori (carica di valenze – come ogni dettaglio del quadro – anche cabalistiche, dai toni panneggiati dal verde al rosso, al neutro del fondo) riconosco un silenzio inclusivo di granitiche implicazioni storiche anche interrogative a cui per prima la Storia non può ora rispondere, o forse non sa ancora rispondere – causa i paradossi umani qui drammaticamente evidenziati. E ancora: quella figura è maschile o è femminile? Cosa cambierebbe? Niente. La domanda è solo un ulteriore allarme scaturito dall’autentica potenza di una visione pittorica che al suo culmine si assimila ai messaggi biblici ( e ai Gurre-lieder) di Arnold Schönberg.” (Rodolfo Tommasi in “Vetrina del Premio Arezzo – Edizioni Helicon) “…Essenza e apparenze: due termini – al plurale il secondo – nel cui involucro battono convulse le ali verità indicibili di ombre, di confessioni senza interlocutore, di schiavitù psicologiche rimosse, di nostalgie dell’ignoto (o dell’infinito, come scrisse Carducci), agitate dall’ermetismo sacrale dell’icona o del feticcio come dal realismo metafisico dechirichiano, dal verso omerico come da Kafka. Oggi, questo davvero essenziale evento espositivo obbliga alla sosta oltre la soglia di tale consapevolezza di pensieri, nel loro ingorgo e nella loro chiarezza, attraverso l’abbagliante bianco/nero (talvolta l’identità del nero sta proprio nel bianco, e viceversa) di Leonblas, lungo le fisionomie dei suoi corpi-volto, nell’àngor che le delinea…” (Rodolfo Tommasi – Dicembre 2005) “…la pittura di Leonblas…è scandita da situazioni e non da personaggi, sebbene questi appena riconoscibili, diano il senso dell’immagine, caratterizzata da un colore cupo, denso e dato dinamicamente. Lontano da accenti retorici, i quadri di Leonblas comunicano messaggi non privi di riferimenti alla solitudine, alla drammaticità di certe azioni e situazioni, indicandola attraverso uno …” (Liletta Fornasari in “La Nazione di Arezzo – Ven. 18 dicembre 2005” “..Una resa scrupolosamente analitica, celebrale si respira. Un'aria di sospensione atemporale, quasi come se in punta di piedi ci permettesse di entrare nel suo mondo, ovvero in quello appunto dell'artista: Leonblas. In ogni caso questo dato non porta ad escludere un'alta organicità pittorica. Nelle opere di Leonblas vi è come il riverbero di un lietmotiv: il cerchio,la sfera quasi a volerci trasmettere il passaggio del tempo, il suo inarrestarsi ed il saper, il dover saper cogliere il bello nelle piccole cose: come il riappropriarci del sapore del gioco. Si vedano quindi altri lavori (da tenere sempre presente che Leonblas è un pittore autodidatta) come 'Il gioco del cerchio','La città delle sfere' e' La musica al riposo', dove vi è espressione di quanto appena enunciato, un qualcosa di De Chirichiano, ma dove è anche possibile trovare, nella perfetta stesura cromatica, affinità con quello che fu il grande Wassily Kandinky (il richiamo è ad esempio plausibile nel dipinto 'paesaggio con campanile') anche perché in questo artista ci fu un altissimo studio verso la forma geometrica del cerchio. La bellezza artistica di Leonblas è quel saper attingere dalla tradizione, sapendo poi concretamente rielaborarla, creando così nuove teche di splendida arte pittorica...”. Valeria S.Lombardi - Dott.ssa in Storia dell'arte contemporanea

Formazione artistica



voglio seguire un percorso ideale preciso, forse fra i più delicati, soprattutto nell'epoca in cui viviamo, con una società chiamata a fare i conti con il suo post-moderno, il post-industriale, ma anche con il suo caos, il mediatico invadente, e gli eterni conflitti di genere, sesso, razze e specie... Un'analisi ed una ricerca rivolta verso il subconscio, il fantastico e l'irrazionale, con soggetti che individuano ambienti, fisici o mentali, nei quali vengono traslati le inquietudini, le paure, i pensieri, le doppiezze, i vuoti o i caos appunto del vissuto quotidiano, sempre in bilico tra realtà e proiezioni emotive. Nel prendere contatto con le mie opere il visitatore sarà condotto in una dimensione "altra", quasi junghiana, all'interno della quale emergono suggestioni o riflessioni anche intimistiche. Fauvismo, espressionismo, futurismo, suprematismo, costruttivismo, orfismo, sono per noi solo delle categorie, delle scatole concettuali nelle quali di tanto in quanto veniamo, senza volerlo, intrappolati. (Leonblas)


La maggior parte delle mie opere sono realizzate con la tecnica dell'olio. Non mancano però acrilici e tecniche miste.