Biografia

LA MIA UNA PASSIONE - BIOGRAFIA
la mia fotografia, trentanni fa.

Matteo, nato a Milano nell'Agosto del 1975, non mi definisco un fotografo, ma solo un raccoglitore di immagini, un conoscitore della fotografia, un semplice artista, senza regole e regolamenti.
Scatto fotografie dall'età di 14 anni, quando avevo difficoltà perfino a tenere in mano la fotocamera di mio padre, una Rolleiflex Baby, che ancora splendida ed immacolata conservo gelosamente nel mio studio di Milano, dove vivo e lavoro.
Con quella splendida e storica biottica di Rolleiflex, ho realizzato il mio primo progetto fotografico a lungo termine, ovvero raccontare la mia città, Milano, per 20 anni, dove l'inevitabile passaggio del più grande nemico dell'uomo, il tempo, ha apportato incredibili cambiamenti, trasfigurando la città ed il
suo paesaggio, dove oggi non c'è quasi più traccia di quel lontano, difficile e bellissimo ricordo, dove per ritovare un timido, nostalgico sorriso, è necessario tornare in quei quartieri di periferia, ormai delle vere piccole metropoli di luci e colori, dove scorgere un vecchio edificio custode di storie dimenticate
dal tempo, che incurante ha inghiottito tutto, lasciando solo le ceneri.
Ora voglio scavare sotto quelle ceneri, e portare alla luce quelle storie sepolte ma vive, e per essere alla pari con il tempo, uso qualcosa che lui stesso ha portato alla mia mano, la fotocamera di oggi, la SmartCamera del mio cellulare, una tecnologia avanzata moderna e molto portatile, quello strumento che permette di ingannare l'occhio dall'azione, cosi da sorprendere il momento e ritrarlo nella sua più naturale e spontanea espressione.
Nonostante la tecnologia moderna con le sue svariate applicazioni in campo fotografico io rimango legato a quel odore intenso che si avvertiva quando si apriva il barattolino che conteneva la pellicola, ed a quel suono metallico dell'otturatore.
E anche se oggi faccio quasi tutto con il mio SmartPhone sento ancora la cinghia di pelle della mia Rolleiflex, attorno al collo, pesante, ingombrante, un pò scomoda, ma meravigliosa come le immagini che mi regalava, quando uscivamo insieme la domenica mattina, avvolti nella nebbia di Ottobre.

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

THE MY PASSION - BIOGRAPHY
My photography, thirty years ago.

Matteo, born in Milan in August 1975, do not call myself a photographer, but only a collector of images, a connoisseur of photography, a simple artist, without rules and regulations.
Taking photographs from the age of 14 years, when it was difficult even to hold the camera of my father, a Rolleiflex Baby, still beautiful and immaculate jealously cherish in my studio in Milan, where I live and work.
With the beautiful and historic of bi-optic Rolleiflex, I made my first long-term photographic project, or tell my city, Milan, for 20 years, where the inevitable passing of the greatest enemy of man, time has made incredible changes, transforming the city and its landscape, where today there is almost no trace of that distant, difficult and wonderful memory, where ritovare a timid, nostalgic smile, you should go back in those suburbs, now the real small city of lights and colors, see where an old building custodian of forgotten stories of the time, oblivious that has swallowed up everything, leaving only ashes.
Now I want to dig beneath the ashes, and bring to light those stories buried but alive, and to be on par with the time, use something that he himself has brought to my hand, the camera today, the SmartCamera my mobile, technology Advanced modern and very portable instrument that can fool the eye by the action, so as to surprise the moment and portray him in his most natural and spontaneous expression.
Despite modern technology with its many applications in the field of photography I remain tied to the strong smell that you felt when you opened the jar containing the film, and metal shutter that sound.
And even if today I do almost everything with my SmartPhone still feel the leather strap of my Rolleiflex, around the neck, heavy, bulky, a bit awkward, but as wonderful as the pictures gave me when we went out together on Sunday morning, wrapped in the fog of October.

Formazione artistica

Assolutamente, totalmente autodidatta, ho trovato da me la mia strada, la mia forma d'espressione, documentandomi e sperimentando moltissimo "sul campo".

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Autodidactic, has absolutely, found totally from me my road, my form of expression, documenting me and experimenting a lot of "on the field."