Biografia

Tematiche

GRAFFITI

I contorni del pomodoro che tutti abbiamo colorato all'asilo, come le righe nelle quali i n un secondo tempo a scuola abbiamo impatrato a contenere il nostro segno in lettere, erano i prodromi dei muri che oggi circondano ed opprimono le nostre esistenze , le linee nere delle scatole nelle quali mestaamente ogni giorno ci spostiamo , il simbolo di quei netti confini che così inutilmente ci dividono in classi razze partiti credenze religioni.

Il segno dei graffiti si ribella a tutto ciò. Esso è profondo, irregolare, non rispetta nessun contenimento, non identifica alcuna idea e non ha forma, confonde ed unisce ogni colore. E' questo per noi il significato universale: "colorando il pomodoro usciamo pure dai contorni! Possiamo farlo tranquillamente o per lo meno crewderci può essere talvolta rilassante, positivo ed aiutarci ad imparare a dipingere anche tutta la nostra vita senza lasciarci imporre inutiloi confini. Non conta se il tracciato è deciso o tremolante, se il segno è marcato o trasparente. Ci sono completamente dentro ed uscendone, alla fine, sul colore di quel mondo resta il segno del percorso intricato, sempre vario ed imprevedibile, dell'esistenza".

COLORFIELD PAINTING

E' un errore pretendere di inventare tutto ed è più onesto, nella funzionalità dell'arte atemporale, non celare le proprie fonti di ispirazione, sebbene sarebbe facile lasciar sospettare, per amore della propria illusione d'originalità, una sorta di ingiustificata relazione, un'assonanza, come facilmente potrebbe essere definita. Lasciar così un dubbio e non doichiarare è un fatto proprio dell'epoca attuale, in cui molti, forse realmente, si illudono o sono addestrati a pretendere e superbamente professare, d'aver creato il nuovo. Non è per contro tipico di chi, convinto, riconosce che ormai ogni suono ed ogni forma sono stati svelati, a conferma della finitezza che ci è propria, quella del nostro genere umano. Conoscenza della tecnica e vero amore, possono comunque, con i dovuti sforzi, consentire ad entrambi (artista e committente) di ripercorrere, in assoluta condivisa lealtà, linee già tracciate ripercorrendo ispirazioni ed intenti, in onestà e sincertità assolute. Spontaneità, semplicità ed immediatezza sono i valori del bambino, che non possono non essere raccolti e nuovamente rappresentati dalla mano adulta di colui che, più o meno consapevole, ha lasciato in se perfettamente intatta la sacra ingenua impronta.

RILIEVI
"Con gli anni le linee dei graffiti tendono ad ingrossarsi e come rughe invecchiano sul quadro della vita in segni precisi, forme e contrasti maggiormente dilatati e rincorrendosi emergono tagli evidenti negli elementi eterni dell'acqua, dell'aria, della terra e del fuoco. Una città osservata dall'alto, appare come enigmatico labirinto, l'ardere del fuoco, il motivo del volo, il ciclico ripetersi degli eventi nel tempo: COLORE. Nient'altro che colore. Anche qui come altrove".

Tecniche

Le tecniche adottate per l'esecuzione sono molteplici e strettamente legate ai differenti materiali adoperati. Dai fondi di gesso e colla di coniglio, alle resine sintetiche, la gamma è assai ampia e ripercorre l'intera tradizione e contemporaneità pittorica. Assai vario anche il tipo di pigmenti adoperati (acrilici, olii, smalti, ossidi, encausto). Secondo i risultato che si è inteso ottenere e l'utilizzo finale dell'opera (interno - esterno). Legno pressato, supporti plastici, lamiera, vetro, plexiglass, MDF, sono preferiti a cartone, tela, carta nella convinzione che l'opera debba essere innanzitutto dotata di una sua decisa consistenza materiale e d a una solida presenza spaziale. Ciò consente realizzazioni modulari, anche di notevoli dimensioni, commissionate come veri e propri "elementi architettonici" da esterno.