Metafisica ed eternità. Frammenti e sigilli-Instant pleasure e finità

Filosofia

Cosa ci potrà offrire di migliore questo futuro? Quale filosofia, quale poesia e soprattutto quale meraviglia potrà esserci in questo futuro prossimo? Non penso sapranno, gli aggeggi e le operazioni digitali, darci un futuro più umano e autentico. Infatti il virtuale impazza, come la conseguente ipocrisia, e non solo come fonte di sfruttamento, ma soprattutto come vero sistema di edulcorazione dei rapporti umani, del dialogo. L’aridità robotica e digitale che ci aspetta deriva appunto da questi oggetti che hanno non solo qualità espressive e tecnologiche avanzate. La tecnologia ci sta portando verso il termine della velocità massima, quello che non prevede alcuna possibilità di ripensamento, dove tutto è definitivo al primo colpo, alla prima parola, al primo dato acquisito, senza alcuna possibilità di riflessione.
Naturalmente sono i burocrati a godere di più, sono loro, o quei delusi dal Partito, i migliori a nuotare in questa galassia di regole che si annullano vicendevolmente, sono loro che godono nel crearne di nuove, con nuovi e splendidi acronimi utili soprattutto a coloro che già hanno le loro stesse stimmate e che aspirano a occupare nuovi posti nella scala gerarchica (la scuola è un grande laboratorio di questi burocrati sfaccendati nella didattica ma sorprendentemente felici e geniali nell’individuare questo circo di trappole).
La comprensione dell’esserci dell’essere è tipica del mostrarsi nell’essere soggetto a partire dal tempo. La morte mette in chiaro, cioè rende visibile ciò che è tipico ontologico di un ente, mostra ciò che dell’ente era il volto dell’esserci, il suo logos. Grazie al suo farsi e alla finità l’essere diventa comprensibile e rimanda alla sua onticità, ossia mette in relazione tutto il vissuto e la sua fine. Si potrebbe dire che la finità è la reliquia del significato dell’ente. Finchè l’ente è un luogo proprio a sé, la finità non lo riguarda, lo riguarda il suo farsi, ma quando viene a perdersi questo suo proprio-a-sé, allora s’impone la sua finità e con essa la sua comprensione.
.....

  • Titolo del libro:Metafisica ed eternità. Frammenti e sigilli-Instant pleasure e finità
  • Categoria:Filosofia
  • Autore:Alessio Tanfoglio
  • Editore:You Can Print
  • Anno di pubblicazione:2017
  • ISBN:ISBN 978-88-92652-22
  • Sito web:http:// indirizzo email: alessiotanfoglio1@gmail.com
  • Prezzo:€ 12,00

Il libro è disponibile!

Vai al sito dedicato per ottenere maggiori informazioni e acquistare una copia del libro.

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Alessio Tanfoglio) Commento pubblico o privato
Cliccando su "invia il messaggio" accetto che il mio nome e la mail vengano salvate per la corretta erogazione del servizio