"Incontro tra gli scheletri e i cavalieri. Iconografia ed immaginario"

Arte e fotografia

Nella prima metà del XIV secolo, le riflessioni sulla caducità della vita si sganciarono dalle catene della religione e gli artisti proposero immagini (soprattutto miniature) che suggerivano riflessioni sulla tragedia della morte; queste raffigurazioni evidenziavano cadaveri sempre più scheletriti, inizialmente armati ed incolleriti, ancora immersi nei terrori apocalittici che la peste aveva sollecitato. In pochi decenni il tema denominato: Incontro tra gli scheletri e i tre cavalieri, narrazione con sfondo allegorico e moraleggiante, evidenziò particolarità significative e tipologie originali. Sono gli scheletri i primi a proporsi nel dialogo, stringato e crudo, e a turno rivolgendosi ai cavalieri ognuno si presenta: "Io fui Papa", "Io ero Cardinale", "Io fui notaio apostolico", e poi insieme: "Voi sarete come noi siamo: potere, onore e ricchezza sono vani". I cavalieri, storditi dall'inaspettata visione, non hanno lo spirito per continuare il colloquio, che infatti si interrompe subitamente perché i tre scappano terrorizzati. Il ciclo di affreschi del Camposanto di Pisa, 1340-1343 circa, offre una prima valida testimonianza, di questo come di altri temi riguardanti la morte, suggerendo riflessioni che contribuiranno all’evoluzione dei testi e delle immagini legate al tema macabro. 192 pag. Retro di copertina: Lo scheletro evidenzia ogni destino, e la morte da lui rappresentata non è una scappatoia, ma un definitivo accasamento; in essa vi è compimento, conclusione, vi è il traguardo di ogni ricerca di sé. Lo scheletro disarticola ogni egoismo e trionfo, e manifesta l'irremovibilità della morte, evidenza estrema della sottomissione a cui tutte le esistenze sono votate fin dal loro apparire. La morte, legge fondante, è cristallizzazione di onori e sogni. Radice di ogni misura. Quando la vita esce dal suo scrigno, si apre all'eternità. Lo scheletro non è che un residuale pittoresco e macabro di vita trascorsa. La sua simbolicità è tracciata dall'irreversibile.

  • Titolo del libro:"Incontro tra gli scheletri e i cavalieri. Iconografia ed immaginario"
  • Categoria:Arte e fotografia
  • Autore:Alessio Tanfoglio
  • Editore:youcanprint Lecce
  • Anno di pubblicazione:2020
  • ISBN:979-812-20309-29-5
  • Prezzo:€ 18,00

Il libro è disponibile!

Vai al sito dedicato per ottenere maggiori informazioni e acquistare una copia del libro.

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Alessio Tanfoglio) Commento pubblico o privato
Cliccando su "invia il messaggio" accetto che il mio nome e la mail vengano salvate per la corretta erogazione del servizio