APOCALISSE (APOCALYPSE)

Acrilico su tela, Tela, 2017

Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA118670
  • Codice personale:IT0057
  • Misure:375 cm x 200 cm x 2 cm
  • Tecnica:Acrilico su tela
  • Stile:Figurativo
  • Supporto:Tela
Informazioni sulla vendita
PROPOSTA D'ACQUISTO

Informazioni e condizioni di vendita dell'artista

Spedizioni: Le opere possono essere ritirate o spedite con corriere internazionale.

Vendita: Tutte le opere sono pezzi unici con certificati di autenticità redatti direttamente dall'artista.

Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci la tua proposta in euro
Inserisci un messaggio
Cliccando su "invia la tua proposta" accetto che il mio nome e la mail vengano salvate per la corretta erogazione del servizio
Descrizione

PRICE ON REQUEST
WRITE AND CONTACT

PREZZO SU RICHIESTA
SCRIVI E CONTATTA
saravo.aniello@gmail.com

APOCALISSE

Il maestro Saravo ha racchiuso con quest’opera tutta la sua esperienza di pittore e scultore di 47 anni dedicati all’arte. L’obiettivo che si è posto nel realizzare l’Apocalisse è di raccontare con una sua visione personale una sintesi trasversale della società in cui viviamo, con una linea temporale tra passato, presente e futuro. Le forme si riempiono di geometrie e linee curve, dove il realismo si trasforma in sintesi, perdendo completamente la rappresentazione illusionistica.
Nell’opera emergono le forme dei personaggi e la potenza della pittura. La percezione della liberazione immaginativa dell’inconscio del pittore, trascende nel oltre-realismo, facendo nascere nell’immagine un aspetto onirico, ma che denuncia una realtà vissuta.

Il vulcano nello sfondo ci riporta alla memoria la storia passata dal 79 d.C. con la distruzione di Pompei. La forza distruttiva della natura e i suoi stati d’animo che entrano in conflitto con l’uomo nel esasperato desiderio di dominarla.
Il tempo scorre per ritrovarci nell’anno 2017. Le due figure unite sotto il vulcano con gesti di dominio si fondono tra loro, ma con lo sguardo opposto. Esse rappresentano due grandi potenze politiche, che si affrontano per la loro supremazia sul mondo, creando ancora oggi enormi conflitti al nostro pianeta. I popoli si dividono facendo nascere odio e guerra e schiavitù. Il personaggio nel primo piano sotto di loro, racconta con la sua postura una intera umanità sconfitta da se stessa. Il cavallo quasi centrale con il suo urlo rivendica la libertà di tutti gli essere viventi schiavi dell’uomo, che strazia e uccide senza pietà, solo per soddisfare bisogni inutili. Gli episodi raccontati simbolicamente nella tela nell’ultimo piano appartengono già alla storia. Le torri gemelle attraversate dall’aereo, con accanto l’esplosione della prima bomba atomica lanciata a Hiroshima e Nagasaki sono scenari di morte e distruzione.
L’opera diventa così per il pittore un palcoscenico dove realizza la sua trama legata a doppio filo con ogni personaggio su piani diversi. I soggetti sono per l’autore attori in continuo movimento che raccontano i propri stati d’animo. L’artista come un regista scompone e assembla le figure nella propria narrativa. Il potere insieme alla guerra è rappresentato da un enorme drago che si fonde con l’uomo soldato, colui che esegue e distrugge i suoi simili, sia il corpo fisico che l’anima. La visione dell’artista del proprio mondo alla deriva, non dimentica il dramma di popoli esasperati che emigrano e aspettano di esser salvati dal mare, con i personaggi nei primi piani centrali. In tutto questo scenario al centro della tela, la terra si apre e nasce l’uomo della nuova era, un robot dal petto squarciato dove il cuore è sostituito da ingranaggi.

Il maestro Saravo con la sua visione Apocalittica toglie il velo a se stesso e mette a nudo una realtà insopportabile con la consapevolezza di appartenere a un umanità dove il male sembra prevalere.
Il dipinto in realtà non è solo una denuncia, ma diventa un messaggio di pace e di speranza. Dove l’alba con il canto del gallo, ci ricorda che ogni giorno si muore e si rinasce e tutto può cambiare.



La tecnica usata è acrilico su tela cm. 200 x 375
Il progetto ha avuto inizio a Marzo del 2017 con i primi schizzi, studio delle forme, geometrie, e infine l’analisi del colore. L’opera è stata realizzata in sette giorni (10 Aprile 2017 data inizio e terminata il 16 Aprile 2017 data fine).
"Quest'opera non l'ho fatta io, ma l'umanità"
Aniello Saravo


La sintesi descrittiva è il pensiero che il maestro Saravo ha fatto durante la realizzazione dell’opera.
Io non ho fatto altro che raccontare fedelmente la sua visione personale.
Anna Stefanile

PREZZO SU RICHIESTA
SCRIVI E CONTATTA SUL SITO

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Aniello Saravo Maestro D'arte Italiana) Commento pubblico o privato
Cliccando su "invia il messaggio" accetto che il mio nome e la mail vengano salvate per la corretta erogazione del servizio


  • Codice:GA118670
  • Tipo:Pittura
  • Creata nel:aprile 2017
  • Archiviata il:mercoledì 03 maggio 2017

Archiviazione Certificata
by GIGARTE.com

Si certifica che l'artista Aniello Saravo Maestro D'arte Italiana lunedì 23 ottobre 2017 ha archiviato la foto dell'opera GA118670 dal titolo "APOCALISSE (APOCALYPSE)"