LA PUPILLA IL NERO ASSOLUTO

La pupilla il nero assoluto di Giovanni Prosperi.

Maurizio Sacchini sa che la pupilla é il nero assoluto.
A volte per non soffrire la trasforma in forme che non le fanno vedere niente. Sacchini ha un sanissimo dubbio sulla materia dell' iride:
con quale colore posso vedere la luce? La risposta impazzisce.
I suoi acquerelli sono il suo occhio sinistro nel battere della palpebra dopo che il sole l'ha accecato per un attimo:
Polaroid naturali in completa assenza della natura.
L' occhio destro sempre aperto, controlla la discesa per deviazione epicurea dell' atomo, a volte uno, a volte tre, come se non bastasse tutto ruota attorno ad un triangolo dal vertice in basso:
la caverna metafisica sorretta dalla caverna fisica che deve il suo sostenimento alla curva base che chiudendosi nel cerchio ruota nell' immobilità perfetta dell' immagine fino a far uscire dagli occhi altre forme per un logico tributo all' iride. Di contro la pupilla di Sacchini acceca l' iride nel suo autoritratto. Sacchini attende, guarda verso l' alto e non timidezza ma attenzione:
chi ti guarda conta poco, conta chi si aspetta di guardare.

Solitudine allo specchio
Olio segatura e sabbia su tela
cm. 100 x 70
1988

  • Pubblicata mercoledì 09 gennaio 2008

  • Da Maurizio Sacchini

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Maurizio Sacchini) Commento pubblico o privato
Cliccando su "invia il messaggio" accetto che il mio nome e la mail vengano salvate per la corretta erogazione del servizio


  • Pubblicatamercoledì 09 gennaio 2008