Loading

BIOGRAFIA

Note biografiche


Nato a Lodi il 18/02/1957 e innamorato dell’Arte fin dalla tenera età quando osservavo in silenzio il mio fratello maggiore Bruno.
Bruno aveva l’hobby dell’acquerello ed io fui colpito dalla magia di tramutare un foglio bianco bidimensionale in qualche cosa che ne ha tre. All’epoca avevo tre anni e cominciai a raccogliere immagini dei grandi Maestri su riviste e dovunque altro ne trovassi alcuna. Scoprii cosi’ che l’arte va oltre l’illusione ottica ma può stimolare percezioni sottili, le percezioni dell’anima. Si possono scrivere poesie con l’arte visuale, si possono far vedere i sentimenti, si possono provocare emozioni o anche fare discorsi politici. Insomma la magia dell’arte, la musa, è immensa. Un artista è uno studente per sempre ecco perche’ lo chiamano Maestro. Chiarificando, solo uno studente può insegnare ciò che ha già imparato e solo uno studente può essere la mano che la musa può usare. Quante volte mi sono meravigliato di quello che ho fatto. Perchè non lo ho fatto io, un artista è solo il mezzo per cui l’arte ci parla. La conoscenza Artistica è solo la capacità tecnica per fare si’ che l’arte ci usi. Nel mio cammino artistico ho frequentato molte scuole d’arte ed accademie. Mi considero comunque un autodidatta. Tra l’altro ho passato gli ultimo trent’anni in India dove potevo ancora vedere quotidianamente donne vestite di veli e santi con la barba lunga come possiamo vederli nelle nostre cattedrali. Quella cultura ha trattato da millenni la trascendenza.


claudio-fiori