Loading

oMAGGIO ALLA pRIMAVERA

omaggio-alla-primavera

Mostra Collettiva Internazionale "Omaggio alla Primavera" “OMAGGIO ALLA PRIMAVERA” Mostra Collettiva Internazionale Presentazione dello Storico e Critico d'Arte Prof. Giorgio Grasso Evento a cura del Critico d'Arte e Curatrice Maria Palladino Inaugurazione Sabato 21 Maggio ore 18:00 Fin dalle epoche più remote l'equinozio di primavera (attualmente fra il 19 e il 21 Marzo dipendentemente dalla posizione della terra rispetto al sole) ha contrassegnato il periodo di passaggio fra il buio e il rigore dell'inverno e il risorgere della natura come momento magico misterico e mistico fautore di ricostituzione fisica e spirituale e di passaggio attraverso le fasi fondamentali della nascita riproduzione e morte degli individui come di tutti gli organismi viventi. Alle origini della storia dell'umanità il culto della “Grande Madre” fra era Paleolitica (26 milioni di anni fa - circa 10.000 a.C.) e Neolitica (10.000 a.C. – 4500-2000 a.C.) determinava una struttura della società incentrata sul ruolo della donna custode dei segreti della fertilità della genesi e della dissoluzione: la Madre rappresentava la Terra la protezione e l'accoglienza la creazione e la distruzione il trascorrere del tempo le stagioni le fasi lunari; nei successivi stadi dello sviluppo della civiltà nei “Misteri Eleusini” (antecedenti al VI sec. a.C. e fino al 396 d.C. in Attica) la venerazione della femminilità e del potere ad essa connesso si collega al mito di Demetra o Cerere dea delle messi e a sua figlia Persefone o Kore (“la fanciulla”) che rapita da Ade e portata negli Inferi venne a lungo cercata dalla madre finché l'intervento riparatore di Zeus fratello di Ade non consentì a Persefone il permesso di dimorare per sei mesi nel regno dei morti e per sei mesi sulla terra. Nei sei mesi in cui Persefone poi Proserpina per i romani torna sulla terra la natura rifiorisce e il sole torna a splendere come nel ciclo di tutte le cose. In seguito l'affermarsi di società e religioni patriarcali spostò il fulcro del potere creativo dal femminile al maschile come nei Bacchanalia della Magna Grecia (VI – V sec. a.C. - 186 a. C.) diffusisi a Roma dal II sec. a. C. e in cui comunque dapprincipio erano ammesse sole donne e nella coeva filiazione dei Misteri Orfici i quali prefiguravano la natura divina dell'anima immortale e trascendente e la necessità della purificazione in vita. In ognuna di queste celebrazioni della Primavera la rinascita è frutto di un percorso di crescita spirituale che implica uno smarrirsi nel buio della coscienza o dell'esperienza mistica per sottostare ad un 'espiazione e ad una resurrezione attraverso la quale l'anima si ricongiunge alla sua matrice terrena e ritorna al mondo senza più paura della morte. Questa esposizione intende celebrare lo splendore dei colori e il rigoglio della vegetazione in primavera come anche il desiderio di rigenerazione in rappresentazioni realistiche naturalistiche o simboliste nelle forme della scultura e della pittura dove le cromie accese e l'irrompere dell'entusiamo gestuale fanno percepire anelito ad un ritrovato senso della bellezza e della condivisione oltrepassando il buio passato per rinvenire ad una nuova vivida realtà. 09.05.2022 Maria Palladino In esposizione opere degli artisti: Alexandra Van Der Leeuw Alfredo Baracco Algida Temil Anna Rita Valenzi Annamaria Frisone Barbara Zaccheo Carlotta Castelletti Carmelina D'Agati Chiara Pradella Claudia Mancinotti Daniela Gherardo Dimitrina Simeonova Egle Piaser Elena Dunaeva Eloisa Missinato Emanuela Di Caprio Emilia Sulea Gabriella Mariano Gabriella Zedda Germana Bedont Jacek Rozmiarek Luciana Gravina Manuel Silvestrin Marcos Gutierrez Maria Grazia Chinaglia Mariagrazia Zanetti Marisa Paola Fontana Maurizia Broggi Orietta Sartori Paolo Scafetti Piergiorgio Dessì Roky Marchese Salvo Kim Vaccaro Silvia Grazioli Simonetta Pantalloni Susanna Gatto Tonino Gaudioso Vincenzo Torella Virginio Bruscagin. Galleria La Teca Corso Umberto I n. 56 Padova. La mostra resterà visitabile fino al 7 Giugno. Orari di apertura: Mercoledì - Sabato 10:30 - 12:30 14:00 - 19:30. Lunedì e Martedì chiuso. Domenica su appuntamento: per informazioni chiamare 3474670115

Informazioni sull'evento

  • Quando? Fino a martedì 07 giugno 2022
  • Dove?via Umberto I , PADOVA, (PADOVA)

TORNA ALLE NEWS

LASCIA UN COMMENTO / SCRIVIMI

PRIVACY
Pubblico (mostra in questa pagina)
Privato (invia solo a Egle Piaser)
Sei un utente reale?
Cliccando su "invia il messaggio" accetto che il mio nome e la mail vengano salvate per la corretta erogazione del servizio