Sei il volto umano di mio Padre nel sudario delle mie lacrime

2019

Quando vedo i tuoi occhi stanchi
Che rifiutano l’eco di un sorriso
Quando ascolto la tua bocca muta
Che più non apparecchia l’aria di parole
Mi chiedo quale sia il senso di un corpo a metà
Imprigionato in una mente intera
Incapace di sfogliare i vecchi album di figurine
Inetto ad affrontare un semplice passo
Fugace al sibilo di un singolo fono
Nel disperato appello di un urlo che muore in gola
Ancor prima di nascere.

E non posso che stringerti la mano
Abbracciare la tua fronte candida

Tu

Che ora sei fragile
Come un silenzio di cartapesta
Sei il volto umano di mio padre
Nel sudario delle mie lacrime.
Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA142638
  • Stile:Poesia introspettiva
Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Enrico Danna) Commento pubblico o privato
Cliccando su "invia il messaggio" accetto che il mio nome e la mail vengano salvate per la corretta erogazione del servizio


  • Codice:GA142638
  • Tipo:Poesia
  • Creata nel:febbraio 2019
  • Archiviata il:lunedì 04 febbraio 2019