Immantinente

2020

Immantinente
come suburra che risorge
la mia anima sorprende
l'apofatismo delle nostre interiezioni
mentre singhiozza l’argine
delle preghiere irrisolte
alla blasfema speme
d’un Dio che si nasconde.

Non temo l’iride
ma l’assenza di riflessi
e il trastullare insipido
di bambini pasciuti.

Fugace è il tempo
senza solfeggi d’aria
e di parole mute
s’ammansisce l’attimo.
Se solo oggi piovesse
comprenderei la consistenza di Dio.
Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA159588
  • Stile:Poesia introspettiva
Descrizione

Poesia

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Enrico Danna) Commento pubblico o privato
Cliccando su "invia il messaggio" accetto che il mio nome e la mail vengano salvate per la corretta erogazione del servizio


  • Codice:GA159588
  • Tipo:Poesia
  • Creata nel:febbraio 2020
  • Archiviata il:lunedì 03 febbraio 2020