installazione Nero espressivo

SCULTURA Sinergia mente-informatica-tecnologia, legno, 2017

Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA124547
  • Misure:370 cm x 120 cm x 140 cm
  • Tecnica:SCULTURA Sinergia mente-informatica-tecnologia
  • Stile:scultura a tratti definiti matematicamente
  • Supporto:legno
  • Milano scultura Stepartfair:
Informazioni sulla vendita
PROPOSTA D'ACQUISTO

Informazioni e condizioni di vendita dell'artista

Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci la tua proposta in euro
Inserisci un messaggio
Cliccando su "invia la tua proposta" accetto che il mio nome e la mail vengano salvate per la corretta erogazione del servizio
Descrizione

Nero espressivo
Il nero assorbe tutta la luce visibile e restituisce una percezione visiva caratterizzata dall’assenza di qualsiasi sensazione colorata.
Il progetto artistico è teso a sconfinare oltre le caratteristiche fisiche del non colore e a superare i preconcetti attribuiti al nero per riuscire ad esprimerne la potenza, l’eleganza e l’espressività.
Questa assenza del colore delle opere è stata colmata con geometrie orientate e riflettenti su superfici modulate da una disciplina razionale: la matematica integrata in espressione artistica.
La scultura tecnologica libera i solchi, asporta la materia e pratica le inclinazioni che, in quanto riflettenti, destabilizzano il nero e lo contaminano facendolo virare sulla scala dei grigi fino all’antagonista bianco
La struttura plastica e la luce sono complici e protagoniste del progetto.

Dallo sguardo all’ osservazione
La seconda fase del progetto cerca di condurre l’osservatore ad abbandonare gli schemi convenzionali a beneficio di nuovi sistemi emozionali scaturiti non dal colore, ma dalla dinamicità del tratto.
L’osservazione dell’opera avverrà in presenza di un’illuminazione forzata e dinamica.
Amplificare le ombre non ha come obiettivo generare un effetto immaginario; il desiderio non è stupire, ma far osservare in modo evidente e nuovo le forme e le ombre.
In questa fase la dinamicità della luce non deve essere utilizzata come elemento di valutazione dell’opera, ma come guida ad una osservazione più consapevole, approfondita e dinamica.
Utilizzando questa metodologia la visione dell’opera in presenza di luce naturale, seppur in maniera più pacata, provoca mutamenti di visuale e destabilizza l’osservazione approssimativa.
I particolari, unità indipendenti tra loro, risultano un insieme indivisibile che si manifesta nella complessità delle forme e muta al variare della visione prospettica.

Flavio Pellegrini

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Flavio Pellegrini) Commento pubblico o privato
Cliccando su "invia il messaggio" accetto che il mio nome e la mail vengano salvate per la corretta erogazione del servizio


  • Codice:GA124547
  • Tipo:Scultura / Installazione
  • Creata nel:2017
  • Archiviata il:domenica 07 gennaio 2018