La mia Venezia

olio su tela, tela, 1989

Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA13628
  • Misure:90 cm x 60 cm
  • Tecnica:olio su tela
  • Stile:Figurativo
  • Supporto:tela
Informazioni sulla vendita
  • Collezione:Collezionista Roma
  • Disponibile: no
PROPOSTA D'ACQUISTO
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci la tua proposta in euro
Inserisci un messaggio
Descrizione

L'ho inserita, l'opera mal fotografata, poichè è la mia storia.Nonostante la pessima immagine volevo, è stato il terzo o quarto mio quadro,
volevo dicevo ricordarmi della dommanda che allora potei concedermi, :"Sono un pittore?". Ai posteri.......
So soltanto che scoprii le infinite possibilità della tecnica, che permetteva di giocare con la luce in maniera molto efficace.
Quando creai l'opera mi accorsi che la luce sui due mimi arrivava dalla nostra sinistra ma l'isola di S. Giorgio, sullo sfondo era
concepita con la luce proveniente dalla nostra destra.Mentalmente ruotai l'isola, ovvero il campanile che sta alla nostra destra sul quadro, nella realtà delle cose è posto alla nostra destra, se noi fossimo in piazza S. Marco.
Piuttosto l'olio richiede un certo intuito per ottenere
sia le diverse gradualità di ombra che gira verso la luce ed anche trovare il colore voluto tramite miscuglio.
Il verde vegetale spuntò per incanto dal nero più giallo.
I protagonisti li collocherei in una dimensione di non-tempo
De Chirichiana. Lo spazio è,
semplicemente è.
Mi vorrei soffermare a titolo personale , criticamente e posso naturalmente sbagliarmi,
sull'Essere e il far finta di.
I muti mimi, nel momento in cui fanno finta di, come tutti gli attori, ritornano immediatamente ad essere se stessi.
Non è forse il ristretto piano
dei mimi un immenso palcoscenico in cui ognuno ha la sua inconsapevole parte?
Chi meglio di quel poverino accovacciato sul marciapiede
pieno di cenci,.
essere il mendicante con tutti i dolori e
e le sconfitte di una vita.
Soltanto lui, lo è nella realtà del palcoscenico.
Purtroppo, come all'interno del quadro non esistono spettatori.Sei personaggi cercano ancora il loro temporale autore, il regista?
Tanti, decine, centinaia.
Il vero Autore,quasi tutti gli uomini e le donne lo portiamo come fiamma che anima il nostro cuore.
Soltanto, penso Esso sia, almeno finora, inaccessibile alle nostre menti.
Il quadro è , per me , anche questo.Mi scuso per il mio essermi dilungato e ringrazio chi ha letto.

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Franco Ingras) Commento pubblico o privato


  • Codice:GA13628
  • Tipo:Pittura
  • Creata nel:1989
  • Archiviata il:giovedì 08 gennaio 2009