Moneta

LA VITA., 2005

Con quale metallo e carta
avrei potuto aquistare
il mio pensiero ,
portato sulle grigie ali
del gabbiano planante,
il suo silenzio
ad un palmo dai miei occhi,
su quel ponte
dove danzano insieme
a galassie e nebulose?
L'idea per un quadro,
per una scultura,
il rosso, il giallo,
in primavera,
il cielo, la notte,
le stelle,
gli atomi,
quelli della mia coscenza,
la Terra
che l'universo ha voluto
piena di umane musiche,
danze, canti,
l'impensabile che ci accarezza,
tant'altro
che mai scopriremo,
non sono mediabili dalla carta.
Lo è la Rosa,
la compriamo per amore,
ma essa nasconde
l'universo
che s'è arrampicato sulle spine
per rendersi petalo,
la sezione aurea,
il sogno di una pietra,
inafferrabile colore,
i segreti
di un uomo,
di una donna,
l'essenza delle immense distanze.
Lei ascolta
le notti,
le madri,
le albe,
le sere,
le musiche del deserto,
si sofferma
in solitarie campagne
per vedere numerose
le sue compagne,
esse bisbigliano, lei conserva.
Ciechi viviamo,
un diamante di spine e mistero
sul palmo della mano.
Dovremo restituirlo.
Spine e petali,
il tempo l'ha già deciso,
son da ora
in lontano, futuro amore.
Franco Ingras
Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA19870
  • Tecnica:Con quale metallo e carta avrei potuto aquistare
  • Stile:versi liberi
  • Supporto:LA VITA.
Informazioni sulla vendita
  • Disponibile: no
PROPOSTA D'ACQUISTO
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci la tua proposta in euro
Inserisci un messaggio
Descrizione

Sono così questi pensieri,
nascono mentre sono da un fioraio,
osservo i miei gabbiani,
guardo Nat geo music
e il cielo la notte. Grazie.

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Franco Ingras) Commento pubblico o privato


  • Codice:GA19870
  • Tipo:Poesia
  • Creata nel:agosto 2005
  • Archiviata il:venerd� 29 maggio 2009