Borges esseti

Misteri, 2007

Questo foglio bianco
possiede gią
i miei inesistenti segni.
La mano cerca, ansiosa,
le sue lettere.
La penna obbedisce, fedele.
Credo dovrei lasciare
degli spazi vuoti,
l'altro nascosto
nella mia ombra,
egoista inconscio,
potrebbe volerli per sč.
Proprio non posso,
mi segue da tanto tempo,
s'insinua nella mia clessidra,
scruta i miei sogni,
bacia la mia donna,
beve la mia acqua,
gode delle mie galassie.
Quell'altro, l'egoista,
l'ombra,
non si accorgeranno mai
di essere me.
F.I.
Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA21846
  • Tecnica:Questo foglio bianco possiede gią i miei inesist
  • Stile:versi liberi
  • Supporto:Misteri
Informazioni sulla vendita
  • Disponibile: no
PROPOSTA D'ACQUISTO
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci la tua proposta in euro
Inserisci un messaggio
Descrizione

Il testo potrebbe sembrare a prima vista
fantasioso, forse irreale ma ero nel
periodo della piena lettura delle
opere di Jorge Louis Borges. Mi č venuto difficile
non esserne influenzato.Potrei aver
ingiustamente "preso a prestito",l'altro,
l'ombra ma ilcontesto lo stile rimanngono miei.
La scissione di una parte nascosta di noi,
dalla coscienza diurna č reale, per
nostra comoditą ma quante cose facciamo
sulla spinta di una lontanissima notte?
F.I.

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Franco Ingras) Commento pubblico o privato


  • Codice:GA21846
  • Tipo:Poesia
  • Creata nel:maggio 2007
  • Archiviata il:domenica 26 luglio 2009