"LES URNES D'ARGILE"

pittura acrilica, tela, 2004

Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA119005
  • Codice personale:ALTROREALISMO
  • Misure:150 cm x 120 cm x 3 cm
  • Tecnica:pittura acrilica
  • Stile:altrorealista
  • Supporto:tela
Informazioni sulla vendita
PROPOSTA D'ACQUISTO
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci la tua proposta in euro
Inserisci un messaggio
Descrizione

"LE URNE D'ARGILLA"
Da solo il bambino aveva guardato impaziente,per settimane,il lento lavoro di scavo degli archeologi,nella “citta’ vecchia “ dell’isola .Aveva visto apparire mura di pietre tagliate e ben disposte tra loro,o grezze,ma sempre accostate con antica sapienza: canali,basamenti,oggetti di pietra scavata e di ossidiana tagliente,tombe in poderosi blocchi di lava e dentro aveva intravisto piccoli monili in foglia d’oro,vasi d’argilla dipinti in ocra e in nero e ossa possenti di scheletri di avi.

Quel giorno c’era grande eccitazione allo scavo:sulla destra,in un anfratto erano apparse delle piccole giare con l’imboccatura sigillata da una pietra. Se ne trovarono dieci e tutte guardavano verso il mare, al sorgere del sole. Si disse subito che si trattava di piccole tombe di bimbi e di urne cinerarie….

Il bambino si guardo’ allo specchio grande dell’atelier di corso Garibaldi al 95 di Milano e si vide gia’ uomo col suo camice bianco intriso di mille colori. Alle sue spalle c’era il dipinto di un’isola. Trent’anni dopo.
Si giro’,vide la tela di mille colori e comprese che l’opera era nella tradizione del “fine a se stesso”.

Prese una tela banca,la pose sul muro,e inizio’ l’autosuggestione del transfert: si vide bambino nella “citta’ vecchia”,posto in posizione fetale dentro una piccola giara a guardare,da quel punto di vista,il mare d’oriente. Vide il sole sorgere e tramontare piu’ volte e la luce,alternandosi al buio,cambiare il paesaggio e i colori schiarirsi e diventare azzurri rarefatti o rosa impalpabili e le terre imbiancarsi e confondersi con i colori del fondo mutando di minuto in minuto per poi fermarsi nella staticita’ sospesa di un luogo o muoversi,levitando,in un altro senza punti di riferimento in dimensioni assolute,infinite,atemporali. Ebbe un sussulto e un senso di paura lo avvolse benefico: il segreto del paesaggio che si specchiava in occhi senza tempo era li’sulla tela bianca. Pose tremante i colori sulle sue trame e “il luogo” si materializzo’. Iniziava quel giorno,per l’artista,un grande viaggio.
(Geri Palamara)

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Geri Palamara) Commento pubblico o privato


  • Codice:GA119005
  • Tipo:Pittura
  • Creata nel:maggio 2004
  • Archiviata il:mercoledì 17 maggio 2017