notte bugiarda

Incornicia le pozzanghere
il dormiente asfalto
in questa notte bugiarda
d'illusi amori, e tu,
che cammini lenta,
sorvoli i muri
tetri e solitari da secoli,
oh luna un pò fatina
che tutt'addolcisce.
Nell'aria il sonno della gente:
tu nei dubbi di diventare madre,
una puttana o Madre Teresa
le finestre color ghiaccioli
ti mettono freddo e un pò di paura.
Frettoloso è il rincasare
e le tue morti
che all'alba scompariranno.
8
Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA151958
Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Gino Ragano) Commento pubblico o privato
Cliccando su "invia il messaggio" accetto che il mio nome e la mail vengano salvate per la corretta erogazione del servizio


  • Codice:GA151958
  • Tipo:Poesia
  • Archiviata il:domenica 18 agosto 2019