A Marica

Oh Marica
quel che mi dice
e mi mena il cor
il labbro non sa parlar.
Piccola e ingenua
che tanto soffristi,
anoressica,come ridotta fosti;
perfin a man legate,
bulimica vomitata.
Ricordo i tuoi arti in fuori
pelle sulla sola pelle
e della mamma il cor spezzasti.
Prestiti d'amor volesti meco,
io t'accarezzai
e tu svagasti un poco i guai,
ma mi risordo
il lacrimino che di nascosto
solevi usar,
mentre in petto l'orror a divampar.
Oh piccola mia
ben or tu stai
sei sposata,
auguri,sappi che sei amata.
Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA154674
Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Gino Ragano) Commento pubblico o privato
Cliccando su "invia il messaggio" accetto che il mio nome e la mail vengano salvate per la corretta erogazione del servizio


  • Codice:GA154674
  • Tipo:Poesia
  • Archiviata il:sabato 26 ottobre 2019