La prostituta

2017

Tu che già tanta martire
sparita al mondo sei,
prostituta,
sul lettino in terra
all'erba offesa
col volto dell'Addolorata
e come Cristo in croce posata.
Io ti sollecito l'ormai rosa
che non sboccia più tra le tue gambe,
mentre mi sento un cadavere rinnegato,
non ho piaceri,
desidererei ora sol per me e per te
un bagno in una miracolosa acqua santa.
Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA155296
Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Gino Ragano) Commento pubblico o privato
Cliccando su "invia il messaggio" accetto che il mio nome e la mail vengano salvate per la corretta erogazione del servizio


  • Codice:GA155296
  • Tipo:Poesia
  • Creata nel:2017
  • Archiviata il:domenica 03 novembre 2019