Zoja Sperstad

artista

Salve a tutti! Mi chiamo Ermanno Di Sandro, e sonorndocente di arte in Italia, scrittore e critico d’arte, oltreché architetto dirnformazione: parlo in nome e per conto della Sig.ra Zoja Sperstad, pittricernnorvegese di origine russa (che mi legge per conoscenza), la quale vive inrnNorvegia da oltre 3 decenni, che è vissuta per svariati anni a Eggedal, nellarnValle degli Artisti, e oggigiorno risiede a Oslo, artista di cui sono ilrncritico d’arte ufficiale.

 La Sig.ra Sperstad, valente erncreativa artista “figurativa” che ha esposto in numerose mostre collettive ernultimamente anche personali in Italia e nel mondo, sarebbe felice e onorata dirndonare e portare direttamente presso la biblioteca della Vostra Sede la suarngrande, ricca e dettagliata monografia ed il prestigioso catalogo relativo allarnmostra che ha recentemente tenuto a Roma presso la Galleria Medina (Medina ArtrnGallery in Via Angelo Poliziano 32-34, Roma) dal 31 ottobre al 9 novembre 2023,rntesti da me personalmente curati, pubblicati anche in digitale e distribuitirngrazie ad Amazon e moltissime librerie elettroniche ed e-store in tutto il mondo.

   L’Artista in questione, che amarnl’Italia e la sua grande tradizione artistica, considera l’arte il suo elisir di vita e di amore, ed èrncapace di grandi slanci etici e filosofici, essendo la sua una culturarnvastissima che spazia dalla letteratura all’architettura, dall’etica allarnreligione, dai grandi filosofi all’arte antica, classica e moderna, fino arnquella contemporanea. Ella considera l’anima umana come un’entità fluida chernvive in uno spazio di vera, infinita ed eterna bellezza! Ha esposto alcune suernimportanti opere in Qatar nel settembre 2022, e recentemente a Sanremo in ben 2 personali, dunque nel febbraio 2023, durante le giornate della kermessernmusicale del Festival, ma anche a Milano, Cannes ed in altre città europee dirnprimaria importanza, nel 2021 e nel 2022, attirando sempre l’attenzione delrnpubblico e della critica.

   Molte sono le recensioni scritternnegli anni sulla sua nobile attività artistica, tantissimi i riconoscimentirnufficiali, e personalmente sono convinto che la sua fama e apprezzamentorncresceranno sempre più ed in poco tempo, essendo la Nostra una Donna moltornambiziosa che non disdegna anche e soprattutto gli ambienti culturali, quellirnaltolocati, i salotti ovvero quelli dove si fa realmente cultura, dovernd’altronde si trova sempre a suo completo agio.

   Zoja Sperstad ha da poco donatorngli stessi due volumi alla biblioteca dell’Accademia Norvegese di Belle Arti dirnOslo, dove sono stati accolti con vivo apprezzamento e interesse, ed ai qualirnsono stati assegnati i relativi codici identificativi di riferimento per larnloro ricerca. Li ha anche recentemente donati alla Reale Ambasciata Norvegesernin Italia a Roma, e alla Casa Russa a Roma in Piazza Benedetto Cairoli, n. 6.

     Sia io che la Sig.ra Sperstadrnsaremmo felici di ricevere una risposta alla presente, ma soprattutto unrnpositivo accoglimento dei 2 volumi che la rappresentano, e di sapere quandornl’Artista potrà recarsi personalmente presso la Vostra sede per consegnare irnvolumi in questione, ragion per cui ci rimettiamo ad ogni Vostra importante decisione.

 Vi cordialmente e conrnla necessaria e meritata ammirazione, esprimo i miei più sentitirnringraziamenti, certo che saprete anche Voi appassionarVi a Zoja Sperstad ernsoprattutto alla sua originale e raffinata Grande Arte.

    Prof.rnArch. Ermanno Di Sandro

23.11.23 Ermanno Di Sandro:  La consegna ufficiale dei miei due volumirnsulla grande e raffinata Arte di ZojarnSperstad al bibliotecario ufficiale generalerndell'Università di Oslo ed al regista-documentarista di Umberto Eco DavidernFerrario!!!

Complimentirnall'Autore Ermanno Di Sandro, a Zoja Sperstad per la grande impresa e all'Editore Benito Vertullo! Volare sempre alto sospinti dal vento dellernforze positive che ci circondano, ci amano e ci aiutano!

EDS

15.11. 2023rnErmanno Di Sandro : I miei due dei sei libri/cataloghi dedicati all'arte di Zoja Sperstad gia' appartengono e sono patrimonio della Biblioteca dell'Università delle Arti di Oslo! Congratulazioni a Ermanno Di Sandro, Zoja Sperstad e Benito Vertullo! Grande e brillante traguardo raggiunto!

EDS

09.10.23 Ermanno Di Sandro: Il mio ultimo catalogo plurilingue sull'arte di Zoja Sperstad consegnato stasera presso la sede della Societa Russa nel centro di Roma.

Ermanno Di Sandro author

Benito Vertullo editor

I libri in formato cartaceo edrnelettronico:

1.Zoja Sperstad - L'Arte e il Pensierorndella "Stella Polare dell'Arte" venuta dal Nord: Zoja Sperstad -rnGrande interprete della bellezza suprema, della sensibilità e dell'emotivitàrndell'amore, autore professore d'arte Ermanno Di Sandro. ISBNrn9798864353172,

https://www.amazon.it/Zoja-Sperstad-interprete-sensibilit%C3%A0-dellemotivit%C3%A0/dp/B0CL53L3V5/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&keywords=ermanno+di+sandro&qid=1700145572&sr=8-1

2. ZojaRoma Art - Un tuffo nellarnRoma Barocca din Zoja Spestad: Un Progetto Espositivo fuori dagli schemi perrnZoja Sperstad – la Stella Polare dell'Arte, presso Medina Art Gallery (Roma). ,rnautore professore d'arte Ermanno Di Sandro, ISBN 9791280541055. Monografiarnsull'artista norvegese/dottore d'arte italiano Zoja Sperstad

https://www.amazon.it/ZojaRoma-Art-Progetto-Espositivo-Sperstad/dp/B0CHL19RRR/ref=sr_1_2?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&keywords=ermanno+di+sandro&qid=1700145572&sr=8-2

Le gallerie Milanese hanno sempre tutti quadri in vendita:  Zoja Sperstad è una Dottoressarnin Scienze dell'Arte presso La Libera Facoltà Ortodossa di San Gregorio Magno èrnun istituto di studi, formazione e ricerca presso l'ACO (Associazione deirnCristiani Ortodossi in Italia - Giurisdizioni Tradizionali). rnIl suo master si basa sui filosofi: Arne Ness, Søren Aabye Kierkegaard, KnudrnEjler Løgstrup, Aristotele, Pericle.
rnL'artista ha una lunga esperienza come educatore, artista e artigiano ernmaturata esperienza attraverso studi a Oslo, Londra, Bruxelles, Barcellona,rnAtene, Mosca e San Pietroburgo. Diverse mostre separate in Russia, Norvegia,rnFrancia, Qatar e Italia. Ispirato ai dipinti di icone e al primo Rinascimento,rnma anche ai nostri contemporanei.

"La opera dell’artista Zoja Sperstad è marcata per la densità dellornspessore espressivo, dalla passione cromatica e gestuale. L'artista distogliernfinalmente lo sguardo dalla natura, e cerca di creare un'opera che siarnesclusivamente una relazione diretta e nuova tra i materiali in cui lavora e lernesigenze spirituali del proprio ego. Nelle sue opere il concrete non è più larnvirtualità della prospettiva tridimensionale, la tattilità illusoria, marnpiuttosto la funzione mimetica e la materialità degli elementi che ne comprendonornla sua modalità artistica. Na linee curve che stabiliscono con essornl'esclusione dell'orizzonte dalle tensioni che stabilisce e incoraggia,rncreando, in questo modo, un'opera di caratteristica esclusiva e piena dirnintensità." (Roseli Crepaldi).’ (Roseli Crepaldi).’


Formazione

Mi chiamo Zoja Sperstad, un'artista norvegese di origine russa con sede arnOslo,. Ho esperienza lavorativa e formazione inrnNorvegia grazie a un master secondario superiore in conoscenze pratiche pressornl'Università Nordland di Bodø. In Italia, Undeceived il mio Dottorato di Ricerca in Arte/Pedagogia presso la Libera Facoltà Ortodossa di San Gregorio Magno presso il Dipartimento di Ricerca, Insegnamento e Ricerca dell'AHO (Associazione dei Cristiani Ortodossi in Italia - Giurisdizioni Tradizionali).

- Zoja Sperstad è iscritta come artista professionista inrnItalia dal 2019 Zoja Sperstad - exibart.com

  https://www.exibart.com/artista-curatore-critico-arte/zoja-sperstad/?fbclid=IwAR3Psez9NtuCrTfK6x4UAZPkmD5GY8AgbuSkiQfUH5Dvn89qI0j2w4ohp5s

MARTA LOCK-CRITICA D’ARTE:https://ilmondochece.com/2022/09/24/le-interviste-di-marta-lock-zoja-sperstad-la-ricerca-dellarmonia-e-dellequilibrio-per-sognare-un-mondo-migliore/?fbclid=IwAR0_dNXcVxlZkLFCz9sELXVMv6PS8u0vaIyxB4EKriwPxDXCFBLwoEyys8g

 Angelica Loredana Anton (AttricernScrittrice Profilo Due):

https://gossipandbeauty.wordpress.com/2022/01/12/ritratto-dautore-per-angelica-loredana-anton-della-pittrice-norvegese-zoja-sperstad/?fbclid=IwAR2l48bRUBgbbp7Oqrb3q3Wr5uo18XT-AAF61IljxQwQvisbJ-lx4o_7SVs

https://www.fashionluxury.info/it/arte-e-cultura/2021/05/26/milano-milanese-gallery-arte-online-e-norvegia-akantus-as/?fbclid=IwAR0Vm98AiUE3ng9EMv1goMjEKmn-__CFoVc-VmSUq97MMfls2cGsfAQMhao

 Zoja Sperstad Solo exhibition Mostra  Roma: Personale https://www.youtube.com/watch?v=PfJ0OGC4gzQ    

 La storiarnnorvegese sui miei dipinti a Roma al mio vernissage con una presentazione delrngrande critico d'arte italiano Ermanno Di Sandro... I libri e i cataloghirnscritti da Ermanno Di Sandro e pubblicati da Benito Vertullo sulla mia arternsono stati donati all'Università di Oslo e Art College di Oslo e può esserernpreso in prestito dalle biblioteche in Norvegia... Zoja Sperstad

rnrn

1. ZojarnSperstad - L'arte e il pensiero della "Stella Polare dell'Arte"rnproveniente dal nord: Zoja Sperstad - Grande interprete della suprema bellezza,rnsensibilità ed emotività dell'amore, scrittrice, professore d'arte Ermanno DirnSandro. ISBN 9798864353172,

rnrn

2.rnZojaRoma Art - Un tuffo nella Roma barocca della vostra Zoja Spestad: Unrnprogetto espositivo fuori dagli schemi per Zoja Sperstad – stella polarerndell'arte, presso la galleria d'arte Medina (Roma). , autore professore d'arternErmanno Di Sandro, ISBN 9791280541055. Monografia sull'artistarnnorvegese/arteterapeuta italiana Zoja Sperstad. Fin dall'inizio è importanternfornire servizi di insegnamento dell'arte alla nostra università, e ho potutorncompletare la presentazione pratica dell'opera con colori su tela o carta. Unrnabbraccio con gli auguri per una bella giornata Zoja Sperstad

rnrn

23.11.23 Ermanno Di Sandro: La consegna ufficiale dei miei due volumirnsulla grande e raffinata Arte di Zoja Sperstad al bibliotecario ufficialerngenerale dell'Università di Oslo ed al regista-documentarista di Umberto EcornDavide Ferrario!!!

rnrn

Complimenti all'Autore Ermanno Di Sandro, a Zoja Sperstad per la grandernimpresa e all'Editore Benito Vertullo! Volare sempre alto sospinti dal ventorndelle forze positive che ci circondano, ci amano e ci aiutano!

rnrn

EDS

rnrn

15.11. 2023 Ermanno Di Sandro : I miei due dei sei libri/cataloghirndedicati all'arte di Zoja Sperstad gia' appartengono e sono patrimonio dellarnBiblioteca dell'Università delle Arti di Oslo! Congratulazioni a Ermanno DirnSandro, Zoja Sperstad e Benito Vertullo! Grande e brillante traguardornraggiunto!

rnrn

EDS

rnrn

09.10.23 Ermanno Di Sandro: Il mio ultimo catalogo plurilinguernsull'arte di ZojarnSperstad consegnato stasera presso larnsede della Società Russa nel centro di Roma.

rnrn

ErmannornDi Sandro author

rnrn

BenitornVertullo editor


Tematiche

I temi sonornstorici dell'arte, internazionali a livello mondiale e specificatamenternnazionali. Si tratta spesso di ritratti di persone specifiche, sculture famoserne tour architettonici con paesaggi provenienti da tutto il mondo. In ognirndipinto vengono raccontati una storia e pensieri filosofici.

IL (NEO) CUBISMO NELL’ARTE DI ZOJA SPERSTAD

di

ErmannornDi Sandro

(NEO) KUBISME I KUNSTEN Å ZOJA SPERSTAD

Av

ErmannornDi Sandro

 

     L’Artistarnrusso-norvegese (russa di nascita, norvegese di adozione e per scelta di vita)rnZoja Sperstad, pittrice rigorosamente figurativa a caratura internazionale, piùrnvolte recensita su pubblicazioni e riviste specializzate, giornali anchernon-line e quotidiani di tutto il mondo, cui il critico d’arte e d’architetturarnProf. Arch. Ermanno Di Sandro ha pensato bene di dedicare ben 6 pubblicazionirnsapientemente illustrate di cui 2 cartacee tra cataloghi e monografie, si starndedicando da alcuni mesi alla realizzazione di una serie di 20 opere inrnacrilico su tela dedicate alla NewrnNational Opera House di Oslo, città dove si è trasferita dalla fine dirnsettembre 2023, precisamente dal giorno 26, ironia della sorte lo stesso in cuirnsi spegneva la madre del suo critico di riferimento su nominato.

     L’uso emozionale del colore è alla base delrnsuo processo creativo. Tra i temi della sua opera pluridecennale figurano irnlegami tra arte e fede ortodossa, la ricerca di antiche identità culturali, ilrnconfronto diretto e indiretto con la scultura classica e, ultimamente, baroccarne del Barocco Romano, la sua personale visione quasi ossessiva della bellezzarnsublime, una ricerca della bellezza mai fugace o temporanea, bensì una bellezzarnsuprema sempre presente da quandorniniziò sin da bambina a dipingere e a disegnare. Altri temi di Zoja Sperstad sonornla bellezza interiore che si riversa e rispecchia su quella esteriore edrnestetica della donna, la ritrattistica quasi esclusivamente femminile e di teste coronate, le icone religiose, irnpaesaggi incontaminati norvegesi soprattutto di Eggedal e della Valle deglirnArtisti, le nature morte, gli studi tipologici e psicologici del colore, e viarndiscorrendo. Si è anche cimentata magnificamente nella foto d’arte e in piccolirnoggetti di design, e la sua creatività sembra inesauribile nella continuarnricerca ed espansione culturale del suo essere artista e Donna di cultura.

     Adesso larnNostra sta sperimentando un nuovo, audace linguaggio, in particolare su unarntela di grandi dimensioni, frutto dell’assemblaggio di altre 3. Trattasi delrnsuo processo iniziale di transizione al Cubismo… Quella di Zoja è una nuovarnforma di Cubismo, una sorta di Nuovo Cubismorno Neo Cubismo senza cubi tra arte ed Impressionismo e con contaminazioni espressioniste.  E’ sicuramente un Neo Cubismo di tipo “formativo”, e potrebbe costituire e dare vitarna una nuova corrente contemporanea i cui colori sono anche un po’ fauves… Ermanno Di Sandro ed il suo entourage sono raffigurati nel quadrorndella Sperstad davanti alla New NationalrnOpera House di Oslo e di fronte alla baia del fiordo omonimo.

     Per Zoja Sperstad, per suo temperamento, vige semprernpiù il detto secondo il quale colui chernguarda sempre oltre è capace di percepire le cose prima che accadano. Zojarnguarda oltre creando la sua personale avanguardiarndi tipo figurativo, il suo personale NeornCubismo senza cubi. Occorre vivere - dice Zoja - in maniera creativa erndevota amando chi ci salva, ovvero i nostri mecenati che ci aiutanorneconomicamente diffondendo e acquistando la nostra arte, soprattutto promuovendola!

     Ma affermarnanche che lo scopo del suo essere un’Artista universale è salvare l’armoniarndella natura umana… Ciò dimostra che le proporzioni del corpo vannornassolutamente rispettate. Il suo cubismo è diverso, perché il mondo dev’esserernsalvato dalla distorsione della natura umana: questo è sempre stato l’obiettivorndi tutti gli scienziati! Dice anzi supplica quasi di non abbandonarsi arnpensieri e tentazioni viziose, per esempio nel comunicare con persone vuote,rnpigre, perverse e piene di vizi, che mirano solo a usare e manipolare personernintelligenti, insultandole e implicitamente denigrandole. Fa notare che occorrernsoddisfare i bisogni umani in maniera morale, senza facili tentazioni ornperversioni! Inoltre le persone - secondo Zoja -  non dovrebbero sprecare il loro prezioso ernridotto tempo in sciocchezze e cose vacue e senza senso.

     Il grandern(nonché contraddittorio) Pablo Picasso solo verso il tramonto della sua lunga ernfertile vita lavorativa, creativa ed espressiva nel campo artistico ricominciòrna disegnare e dipingere nuovamente il ritratto classico rispettando lernproporzioni e l’armonia della natura. L’armonia della natura è il motto dellarnvita creativa di Zoja Sperstad e del suo essere al mondo, ed ella non amarnsperimentare cose insulse o stupide con il suo elevato bagaglio e livello dirnconoscenze e talento. Per Zoja il Cubismo è solo e unicamente uno sfondorndell’armonia umana ed è consentito solo come decorazione e architettura inrnnatura! Il corpo ed il viso umano sono bellezza eterna e standard di moralità,rnper salvare il mondo che va alla deriva… La sua armonia di vita è la stessa suarnvisione dell’arte, perché coincidono pienamente: ella non ama ripetere l’arterndegli altri, ma sviluppa sempre le sue esigenze di espressione in manierarnindipendente e personalissima, senza intermediazioni o osservazioni esterne,rneccetto quelle del suo critico d’arte Ermanno Di Sandro, l’unica persona alrnmondo che riesca a comprenderla pienamente, senza filtri, mediazioni o “orpelli”rnvari.

     Lo scoporndi questo suo nuovo dipinto è ammirare e far ammirare all’osservatore il cubismo in architettura in un luogornspecifico: la Baia di Oslo, vivace capitale anche culturale della Norvegia, larnquale purtuttavia necessita di una visione anche classica, ma pur semprerninnovativa, dell’arte. I ritratti raffigurati nell’opera sono pochi, ma inrncompenso li userà in gran numero per gli altri dipinti dell’innovativo (e mairntentato prima da nessuno) Progetto dal titolo New National Opera House di Oslo.

     Ma qualernrisulta essere la genesi dell’opera in questione, chi e/o quale circostanzarnl’hanno ispirata?

     Si erarnsvolta nei giorni immediatamente precedenti a Teano, non lontano dalla Reggiarndi Caserta, dunque in Italia, una mostra dedicata al linguaggio artistico dirnPablo Picasso reinterpretato dagli studenti dell’Accademia delle Belli Arti dirnNapoli. La mostra era stata anche visitata dal critico d’arte Prof. Arch.rnErmanno Di Sandro, il quale sull’onda dell’entusiasmo aveva inviato più fotorndescrittive della cerimonia inaugurale del 4 dicembre 2023 all’artista russo-norvegesernZoja Sperstad, sua artista di maggior riferimento residente per l’appunto arnOslo, la quale, ispirata dalle predette foto e dall’immagine nonchérngigantografia di Picasso che accoglieva i visitatori della kermesse, aveva incominciatornsubito a mettersi anche lei “all’opera” dedicandosi alla realizzazione di unrngrande quadro di notevoli dimensioni, su suggerimento dello stesso critico.

     La tela,rnassolutamente audace e innovativa, sarebbe stata costituita da almeno 4 telernminori che sarebbero state assemblate nelle esposizioni future per poi esserernnuovamente smontate per permettere lo spostamento dell’opera presso le galleriernd’arte, esposizioni, mostre, vernissage e pinacoteche, almeno questo nellernintenzioni del Di Sandro e della stessa Sperstad.

     Si farnpresente che i soggetti rappresentati nella tela saranno in definitiva lornstesso Picasso, Zoja Sperstad, Ermanno Di Sandro (contemporaneamente accanto arnPicasso e ripreso “di profilo” su sua esplicita richiesta) e altri due amicirndella pittrice, l’editore-fotografo Benito Vertullo e l’attrice-cantanternNatalia Simonova, ovvero il gruppo di lavoro con cui l’Artista ed il suorncritico collaborano brillantemente già da qualche mese.

     La granderntela apparterrà ad un ciclo di 20 opere tutte ispirate alla New National OperarnHouse di Oslo, ma anche al balletto, agli attori e protagonisti dellernrappresentazioni teatrali, ed al suo encomiabile ed instancabile gruppo dirnlavoro. Zoja sa benissimo che oggi la pittura è anche lavoro di squadra, perrncui non basta realizzare una tela, ma occorre ispirarla, fotografarla,rnrecensirla, pubblicarla, spiegarla, rappresentarla, esporla, teatralizzarla, immaginarla a volte comernfosse il fondale di un’innovativa scena teatrale…

   ZojarnSperstad ha inoltre esposto ultimamente a Roma 46 sue meravigliose opere anchernispirate alla Roma Barocca con un vernissage di grande impatto dal titolo: “ZojaRomArt”rn- Un tuffo nella Roma Barocca di Zoja Sperstad, ovvero un progetto espositivo fuori dagli schemi per la “Stella Polare dell’Arte” lungo irnsentieri del suo immaginario nella CittàrnEterna.

     L’Artista ha infatti esposto dal 31rnottobre al 9 novembre 2023, con vernissage il 1° novembre, presso larnprestigiosa Medina Art Gallery, Via Angelo Poliziano, 32-34 – ROMA; trattasi dirnun’Artista russa, naturalizzata norvegese, nonché di una pittricernorgogliosamente figurativa a caratura internazionale, sicuramente una grande ernrara personalità del mondo dell’arte. L’artista è donna dalle capacitàrnartistico-compositive strabilianti, piena di inesauribili risorse creative, dirnfertili esperienze dovute al suo vissuto e ai suoi studi filosofici nonchérnriflessioni etiche e artistiche sulle sorti del mondo. La Sperstad è anchernDonna di pace e armonia, che porta sempre con sé un chiaro messaggio ernun’innata visione di libertà da tutte le guerre e conflitti che a nulla portanorntranne che ad un’insensata devastazione materiale, fisica e psicologica.

     Zoja Sperstad harnrecentemente considerato Roma, prima di quest’ultima esperienza cubista senza cubi, al pari di unarnmeravigliosa e straordinaria quanto dinamica scena artistica, un proscenio perrnil mondo intero, soprattutto quando si parla della Roma Barocca… La città eternarnè il centro metafisico ed il prestigioso sipario della nostra civiltà, ne è ilrnnaturale palcoscenico, e può ancora oggi salvare tutte le culture del mondo,rnsoprattutto quelle del mondo occidentale attanagliate da una grave crisi dirnidentità.rnPresso la Medina Art Gallery ha esposto con un vernissage figurativo di grande impatto quadri ispirati – tra glirnaltri - anche alla meravigliosa Roma Barocca, quella di Gian Lorenzo Bernini erndi Francesco Borromini, quella dei grandi papi e delle importanti famigliernnobiliari, a volte però con interessanti suggestioni di tipo metafisico, ma anche alla Roma imperialerned al classicismo raffinato del sommo Antonio Canova e di Giuseppe Valadier. E’rnin dialogo costante e quasi giornaliero – per sua libera scelta - con il suo onnipresente critico d’arte Ermanno DirnSandro, delle cui opinioni accetta arndistanza (ben 2.400 chilometri) suggerimenti e spunti per il rinnovorncostante del suo già ricco lessico iconografico-figurativo, non accettandornaltre risorse che non siano le proprie essendo pienamente consapevole della suarnforte personalità e capacità linguistiche, semantiche ed esecutive.

     Tornando al dipinto in questione, unrnacrilico su 4 tele per complessivi centimetri 160x140, esso descrive irnpersonaggi testé nominati in quanto figure che non inficiano o disturbanornminimamente i tre edifici principali (sullo sfondo nonché fondo della tela) dell’area interessata da un recente e grandiosornprogetto e processo di riconversione urbana che contraddistingue la zona piùrnimportante e incastonata della baia, il cosiddetto “Oslofjorden” ovvero ilrnFiordo di Oslo. Trattasi della New National Opera House al centro, della DeichmanrnBjørvika che è la biblioteca principale di Deichman, a sinistra, e del MunchrnMuseum a destra, ovvero dei tre principali edifici di Oslo di recentissimarncostruzione, tre grandi opere di architettura “cubiste” che sembrano dialogarerntra loro in maniera perfetta quanto colta e innovativa, unico esempio al mondorndi alta architettura i cui progettisti, forse inconsapevolmente, si sonornispirati all’architettura cubista, una neornarchitettura cubista che di fatto si ispira più al cubismo formativo che arnquello analitico, mentre quello sintetico qui è pressoché inesistente. ZojarnSperstad ed Ermanno Di Sandro si ispirano ed ispirano l’opera a questerngrandiose architetture. Lo sfondo sovrappone alla rampa dell’Opera House ed al blocco architettonicorndel museo dedicato all’opera pittorica di Edvard Munch la nuova biblioteca e ancorarnl’Opera House in un dialogo colto a livello di fughe prospettiche, di colori erndi sovrapposizioni. Il cielo è a sua volta “cubista” nelle sue linee dirnintersezione che ci riportano alle campiture rosse, gialle, blu ma ancherncelesti dell’arte informale e del Neoplasticismo di Piet Mondrian, solo che quirnle linee di contorno non sono perpendicolari come nel linguaggio semantico delrnMondrian, ma triangolari e cubiste per l’appunto, anche piramidali.

     Sia il cielo che la pavimentazione sonorncubisti e neoplastici al contempo, ed i personaggi rappresentati nelle due telernsuperiori, Zoja Sperstad in costume tradizionale norvegese, Benito Vertullo arnsinistra e Natalia Simonova a destra, fanno da contraltare ai “big” della parterninferiore della composizione, con Ermanno Di Sandro seduto al centro, PablornPicasso cui egli si rivolge con gesto amichevole comodamente seduto a sinistra,rne lo stesso profilo del critico d’arte che sporge dal bordo destro della quartarntela posta in basso a destra, il quale osserva che tutto sia posizionato alrnposto giusto e in armonia grazie al fare artistico ed alla dinamica azionerndella pittrice, contemplativa e dinamica a sua volta nella sua azionerncultural-artistica. Zoja Sperstad lo immagina con riconoscenza – Ermanno DirnSandro - come il grande ispiratore del suo capolavoro, ma i meriti dellarncomposizione d’insieme sono i suoi, di Zoja… Sportivamente nella tela - e nonrnsolo - i due personaggi amano dividersi i meriti al 50%, per il fatto che ilrnprocesso artistico sia costantemente controllato dal critico d’arte secondo unrnnuovo modo del fare artistico.

     Ovviamente i colori delle tre architetturernsono trasfigurati come già scritto in precedenza, un po’ espressionisti, un po’rnfauves, un po’ impressionisti, in un tripudio di stili e sintesi che lascianornesterrefatti per l’abilità dell’Artista e le sue capacità immaginative. Nernderiva un dipinto-capolavoro di elevatissimo livello, un’opera neppurernlontanamente immaginata da qualsiasi artista degno di questa definizione alrnmondo!  Ma, dulcis in fundo, c’è dell’altro…

     Nella Baia-Fiordo di Oslo è visibile una grandernscultura in ferro su piattaforma-piedistallo di calcestruzzo cementizio armatornposta giusto al centro, poco distante dal Teatro dell’Opera ma anche dal nuovornmuseo dedicato a Munch, la quale ha ispirato certamente teatro, museo ernbiblioteca: trattasi di una scultura circumnavigabilernvisibile a 360° che trae certamente ispirazione da un celebre quadro romantico,rn Ilrnmare di ghiaccio (in tedesco DasrnEismeer), conosciuto anche come Ilrnnaufragio della speranza, il quale è un dipinto di Caspar David Friedrichrnla cui realizzazione è datata tra il 1823 ed il 1824, attualmente custoditornpresso la Kunsthalle di Amburgo. Pochi lo sanno e molti nemmeno lo immaginano,rnma tal è.

     ShernLies - questo è il suo nome - è un’opera molto scenografica realizzatarndall’artista italiana Monica Bonvicini che si trova per l’appunto nella baia dirnfronte alla Norwegian National Opera & Ballet. Si tratta dirnun’installazione permanente realizzata in vetro e acciaio, poggiata su di unarnpiattaforma in cemento che galleggiarnsull’acqua. Questa scultura audace quanto avveniristica, certamente d’avanguardia, che rappresenta una sortarndi iceberg che nelle giornate di sole regala riflessi sempre cangianti arnseguito del suo fluttuare, è un’opera davvero bella, singolare, originale.      Trattasirndi un’operarnparticolarissima, di impatto immediato sia per le sue caratteristiche costruttivernche per la forma aguzza, spigolosa, tagliente, sia per la posizione cherncertamente tende ad attirare la curiosità, da qualsiasi punto la si guardi neirndintorni. In una giornata coperta o nuvolosa o con poca luce non harnprobabilmente l’effetto migliore ma è davvero interessante ed apprezzabile dalrnlato artistico ed estetico. Molti turisti inrnvisita ad Oslo apprezzano questa ingegnosa scultura della Bonvicini.
rn     Realizzata in acciaio inossidabile ernvetro, ruota attorno ad un asse in funzione del vento e delle onde ed offrendornspettacolari riflessi di luce senza soluzione di continuità. Rappresenta unarnversione moderna e contestualizzata del dipinto dell'artista tedesco CasparrnDavid Friedrich chiamato per l’appunto Ilrnmare di ghiaccio, e questa sua versionernscultorea moderna è davvero lodevole, facendosi

piacevolmenternnotare affacciandosi dalla New NationalrnOpera&Ballet, galleggiando sui flutti dell'antistante specchio d'acqua.rn

     L’installazione permanente She Lies fu presentata alrnpubblico l'11 maggio 2010. L'opera, commissionata da Public Art Norvegia, “galleggia”rncome una vera e propria massa di ghiaccio. Reagendo al cambiamento delle mareerne dei flutti, l'installazione gira attorno al proprio asse e si sposta entro unrnraggio di 50 metri. Gli specchi e i pezzi trasparenti forniscono riflessi inrncontinua evoluzione. La Bonvicini descrisse l’opera come “un monumento a uno stato di cambiamento permanente”. Essa èrnrealizzata in polistirolo, acciaio inossidabile, pannelli di vetro riflettenterne schegge di vetro, e poggia su un pontile in cemento dotato di un solido sistemarndi ancoraggio. La scultura “monumentale”, le cui dimensioni sono (12x17x16)m, èrnuna reinterpretazione tridimensionale del celebre dipinto posta giusto di fronternal Teatro dell'Opera di Oslo

      Ermanno Di Sandro e Zoja Sperstad hannorntratto ispirazione per dare inizio alla realizzazione della tela poi realizzatarndalla stessa Sperstad, intuendo l'influenza (diretta o indiretta?) di CasparrnDavid Friedrich con la sua opera romantica di una bellezza sublime, ovvero il dipinto DasrnEismeer, sulla costruzione dell'architettura del Teatro dell'Opera di Oslo,rned intuendo il riflesso della spigolosità e drammaticità del quadro di questo grandernartista anche sulle altre due opere prospicienti già menzionate, grazie allernsue linee di contorno spezzate. Inoltre, sulla tela così come direttamenternnelle tre opere di una così elevata architettura si riflette anche il Cubismornrappresentato da Picasso. In questa sua tela così come nelle altre dellarnmedesima serie l’Artista Sperstad intende rispecchiare tutti questi artisti, larnvita dei norvegesi e la storia dell'opera e del balletto di tutto il mondo, nonrnsolo in Norvegia.

     Questi tre audaci edifici sono “collegati”rntra di loro in uno stile “cubico nonchérncubista” comune, che è simile al primo Cubismo di Picasso ed a quello dirntipo “formativo”, e rappresentano l'architettura più bella della città, larncomposizione per eccellenza in riva al mare nel fiordo norvegese di Oslo: l’OperarnHouse, il Museo Munch e la Biblioteca Deichman Bjørvika, per l’appunto.

     Fornirò adesso solo alcune informazionirnsui tre edifici summenzionati e reinterpretati dalla Sperstad nel suo straordinariorngrande quadro, che certamente farà la storia dell’arte.

     DeichmanrnBjørvika è la biblioteca principale di Deichman, la bibliotecarnpubblica del Comune di Oslo. Si trova a Bjørvika, accanto al Teatro dell'Operarndi Oslo. I lavori di costruzione iniziarono nel 2013 per essere completati 6rnanni dopo, nel dicembre 2019. L'apertura della nuova biblioteca prevedevarnl'apertura con le collezioni della vecchia biblioteca principale di Hammersborgrne un'offerta pubblica ampliata il 28 marzo 2020, ma l’inaugurazione furnposticipata a causa della pandemia da coronavirus che iniziava proprio arnpartire dai primi mesi del 2020. L'inaugurazione ufficiale avvenne il 18 giugnorn2020. La biblioteca ha vinto numerosi premi, tra cui il Premio Biblioteca dell'Anno 2020 dell'Associazione norvegese dellernbiblioteche, ed altri ancora.

     Tale nuova biblioteca principale di Oslo èrndiventata una sorta di casa per tuttirne l'architettura esprime apertura e uguaglianza, ed ai libri è stato dato ilrnposto di rilievo che meritavano. L'edificio ha una bella materialità ernvolumetria, una forma audace e innovativa, uno sbalzo impressionante rivoltornverso il fiordo, un involucro originale e bello anche quando illuminato larnsera, infine una ricchezza di idee tali per cui è diventato il cosiddetto genius loci della zona del porto. Ilrnpiano inferiore dell'edificio ospita librerie, una sala cinema e un auditoriumrnper 200 persone. Gli ingressi conducono al primo piano, che ospita anche unrnbar/ristorante e una reception. 

     Il MunchrnMuseet sembra ispirarsi a ciò che diceva e pensava Edvard Munch, ilrnquale non accettava le regole stabilite, lottando contro le contraddizioni, senzarnmai arrendersi. L'edificio è lì, ha una presenza forte, è parte della città. E’rncome se dicesse a tutti che con la sua presenza custodisce l’eredità artisticarnpiù importante della Norvegia, come se la stessa città ed i suoi sognirncollettivi l’avessero reso concreto, unico e inimitabile, con una presenza forte,rngranitica, distinguibile da qualsiasi punto di vista. 

     La prima pietra del nuovo museo fu postarnnell'autunno del 2016, dopo un lungo e acceso dibattito sia sul design chernsulla posizione. Le polemiche non mancarono, e ancora oggi sono più che mairnvive anche tra gli intellettuali e addetti ai lavori, architetti, ingegneri,rnpaesaggisti, storici dell’arte... 

     La facciata è pensata per riflettere le condizionirndi luce di Oslo che cambiano costantemente durante il giorno e nelle diversernstagioni dell’anno.

     La genesi del nuovo edificio si basarnsull'idea di un innovativo museo verticale, dove le funzioni principali sonornorganizzate verticalmente. Alto 60 metri, rivestito in lastre di alluminiornriciclato, traslucido e forato, e con la caratteristica curvatura in alto,rnl'edificio è ben visibile e riconoscibile da tutti i lati e da lontano. Molternsale espositive distribuite su più piani consentono grandi variazionirnnell'altezza e nelle dimensioni del soffitto, in modo tale che sia le mostrernpermanenti che quelle temporanee possano essere offerte e organizzate in unrnambiente ideale.

     Il desiderio degli architetti è stato chernil pubblico apra gli occhi non solo sull'arte, ma anche su Oslo e sulla storiarndella città, e che l'edificio contribuisca in questo modo a stabilire un forternrapporto tra lo sviluppo urbanistico e urbano della zona e l'arte di EdvardrnMunch.

     La struttura consente il risparmiornenergetico e la ventilazione naturale nella sua parte dinamica. Inoltre, la facciata che guarda verso est fa sì che sirneviti un rapido riscaldamento nei mesi estivi. Nel complesso molte delle scelternfatte dagli architetti, ingegneri e tecnici si basano su considerazionirnclimatiche e tecnico-impiantistiche.

     Perrnquanto riguarda invece la New NationalrnOpera House, l’Opera e il Balletto norvegese sonornstati gli utenti finali del grandioso edificio. Essi sono la più grandernistituzione musicale e teatrale della Norvegia. Il loro scopo principale è statorned è quello di essere il produttore nazionalerndi opera, balletto, musica, teatro danza e concerti. Essi con il nuovornsuperbo edificio Intendevano offrire circa 300 spettacoli per 250.000rnvisitatori l'anno. Il Teatro dell'Opera è un luogo di lavoro e di cultura per circarn600 dipendenti provenienti da più di 50 professioni.

      Il teatro dell'opera, uno degli edificirnpiù riconoscibili al mondo per la sua architettura e posizione in seno allarnpunta finale, ovvero l’incavo estremo della baia del fiordo della capitalernnorvegese, al pari dell’Opera House di Sydney disegnata dall’architetto danese JornrnUtzon, è la realizzazione del progetto vincitore del concorso. Ecco spiegato inrnpoche parole il concetto di base del grandioso edificio. "Il muro dellernonde”: l’opera e il balletto sono forme d'arte giovani in Norvegia. Queste formernd'arte si evolvono in un contesto internazionale. La penisola di Bjørvika farnparte di una città portuale, che storicamente è il punto d'incontro con ilrnresto del mondo. La linea di demarcazione tra la terra "qui" ernl'acqua "là" è una soglia reale, concreta e simbolica. Questa sogliarnsi realizza come un grande muro sulla linea d’incontro tra terra e mare,rnNorvegia e mondo, arte e quotidianità. Questa è la soglia estrema dove ilrnpubblico incontra l'arte.

     Il bando di concorso stabiliva che ilrnteatro dell'opera dovesse essere di elevata qualità architettonica e dovessernessere monumentale nella sua espressione. Un’idea basilare è emersa perrnlegittimare questa monumentalità: il concetto di insieme, proprietà congiunta,rnaccesso facile e aperto a tutti. Per ottenere una monumentalità basata surnqueste nozioni il gruppo internazionale Snohetta ha voluto rendere l'operarnfruibile nel senso più ampio possibile, stendendo brillantemente fin sullarnsommità dell'edificio un “tappeto” di superfici orizzontali e inclinate. Arnquesto tappeto è stata data una forma articolata, legata al paesaggio urbano.rnLa monumentalità si ottiene attraverso l'estensione orizzontale e non larnverticalità (come nel caso del Museo Munch). La base concettuale del concorso -rne dell'edificio finale - è una combinazione di questi tre elementi: il murornondulato, la fabbrica e il cosiddetto tappeto.rnIl “tappeto”, come si è visto successivamente, è utilizzato anche perrnmanifestazioni pubbliche, cori, incontri della collettività, raduni, appuntamentirnvari anche musicali, e via discorrendo.

ProfessorrnArchitect Ermanno Di Sandro, Writer and Art&ArchitectureCritic@,

Decemberrn18, 2023.

 

RESOCONTO/ELENCOrnDELLE PUBBLICAZIONI E ARTICOLI RELATIVI A “ROME SOLO EXHIBIT”, VERNISSAGE DI ZOJArnSPERSTAD A ROMA

    rn
  1. MEDINA ART GALLERY: https://www.medinaroma.com/events/zoja-sperstad-rome-solo-exhibit/
  2. rn
  3. EXIBART: in attesa
  4. rn
  5. IL TACCO DI BACCO: https://iltaccodibacco.it/en/lazio/eventi/265758.html
  6. rn
  7. IO ARTE: http://www.ioarte.org/eventi/Mostre/Rome-solo-exhibit-di-zoja-sperstad-3/
  8. rn
  9. OGGI ROMA: https://www.oggiroma.it/eventi/gallerie/rome-solo-exhibit-di-zoja-sperstad/72475/
  10. rn
  11. ROME TODAY: https://www.romatoday.it/eventi/rome-solo-exhibit-di-zoja-sperstad.html
  12. rn
  13. JULIET ART MAGAZINE: in attesa
  14. rn
  15. LAZIO EVENTI: https://lazioeventi.com/eventi/rome-solo-exhibit-di-zoja-sperstad
  16. rn
  17. ULTIMISSIMO MINUTO: https://www.ultimissimominuto.com/eventi/lazio/roma/73543/rome-solo-exhibit-di-zoja-sperstad/
  18. rn
  19. FUNWEEK: https://www.funweek.it/roma/evento/rome-solo-exhibit-di-zoja-sperstad/amp/
  20. rn
  21. ITALIVE: in attesa
  22. rn
  23. TUTTI GLI EVENTI: https://www.tuttiglieventi.it/evento.asp?id=68686
  24. rn
  25. LINEA D’ARTE: https://www.lineadarte-officinacreativa.org/loc/evento/other-rome-solo-exhibit-di-zoja-sperstad/
  26. rn
  27. GIRA ITALIA.COMhttps://www.giraitalia.com/link__evento/idevento__5816
  28. rn
  29. ROMACHEAP: https://romacheap.it/arte/42178/rome-solo-exhibit-di-zoja-sperstad.html
  30. rn
  31. OKARTE: in attesa
  32. rn
  33. ROMA DAILY NEWS: https://www.romadailynews.it/evento/rome-solo-exhibit-di-zoja-sperstad/
  34. rn
  35. GIRO PER EVENTI: https://giropereventi.it/evento/rome-solo-exhibit-di-zoja-sperstad-a-roma/
  36. rn
  37. BEEVENTS: in attesa
  38. rn
  39. MELOBOX: https://www.melobox.it/zoja-sperstad-rome-solo-exhibit-medina-roma-art-gallery/
  40. rn
  41. MOVE MAGAZINE: in attesa
  42. rn
  43. ARTE.IThttp://www.arteit.it/Pages/Events/Mostre.aspx?mode=scheda&id=2700
  44. rn
  45. INFORMAZIONE.IThttps://www.informazione.it/c/D7109369-BF3A-4B56-899C-CCC23F4FAC38/Rome-Solo-Exhibit-di-Zoja-Sperstad
  46. rn
  47. NELLA NOTIZIA: https://www.nellanotizia.net/scheda_it_132790_Rome-Solo-Exhibit-di-Zoja-Sperstad-_1.html
  48. rn
  49. EVENTI MAGAZINE PRAGMA: in attesa
  50. rn
  51. TUTTO DIGITALE: in attesa
  52. rn
  53. POINT OF NEWS: https://www.pointofnews.it/ultime_notizie_su_zoja
  54. rn

 

BIBLIOGRAFIA DEDICATArnA ZOJA SPERSTAD O CON ALCUNE SUE OPERE RIPRODOTTE

·        rnErmanno DirnSandro, Zoja Sperstad, l'artista dell'armonia universale e dell'amorernvenuta dal Nord (saggio-catalogo del doppio vernissage di Sanremorndell'8/9 febbraio 2023), Editore Benito Vertullo, 2023 (ISBN 979-12-80541-07-9)rn(in versione digitale)

·        rnErmanno Di Sandro, Un monumento per Norma. Storia del monumentorndedicato alla più piccola vittima del naufragio dell'Andrea Doria, EditorernBenito Vertullo, 2023 (ISBN
rn979-12-80541-09-3) (in versione digitale)

·        rnErmannornDi Sandro, Zoja Sperstad - L'Arte e ilrnPensiero della "Stella Polare dell'Arte" venuta dal Nord: Granderninterprete dell’armonia cosmica, della bellezza suprema, della sensibilità erndell'emotività dell'amore, Editore Benito Vertullo, 2023;rnCopertina flessibile (ISBN 979-88-64353-17-2)

·        rnErmanno Di Sandro, Zoja Sperstad -rnL'Arte e il Pensiero della "Stella Polare dell'Arte" venuta dal Nord:rnGrande interprete dell'armonia cosmica, della bellezza suprema, dellarnsensibilità e dell’emotività dell'amore, Editore Benito Vertullo, 2023rn(DISANDROARTE Vol. 5); Formato Kindle (inrnversione digitale) (ISBN 979-12-80541-01-7)

·        rnErmanno Di Sandro, “ZojaRomArt”: Unrntuffo nella Roma Barocca di Zoja Sperstad. Un Progetto Espositivo fuori daglirnschemi per Zoja Sperstad – la “Stella Polare dell'Arte”, presso: Medina ArtrnGallery - Roma, Editore Benito Vertullo, 2023; Copertina flessibile (ISBN 979-12-80541-05-5)

rnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrn

·        rnErmanno Di Sandro, "ZojaRomArt”:rnUn tuffo nella Roma Barocca di Zoja Sperstad. Un Progetto Espositivo fuorirndagli schemi per Zoja Sperstad – la “Stella Polare dell’Arte” – lungo irnsentieri del suo immaginario nella Città Eterna, Editore Benito Vertullo,rn2023 (DISANDROARTE Vol. 6); Formato Kindle (in versione digitale)rn(ISBN 979-12-80541-10-9)


Tecniche

I miei quadri chernvendo adesso sono rifiniti su tela con acrilico nei formati da 40x40 a 100x120.rnLavoro molto anche con l'acquerello su carta e la grafica (inchiostro surncarta). Prima lavoravo su forme più piene di legno e argilla. Sono professorernd'arte e tengo lezioni private.

IL (NEO) CUBISMO NELL’ARTE DI ZOJA SPERSTAD

rnrn

di

rnrn

ErmannornDi Sandro

rnrn

(NEO) KUBISME I KUNSTEN Å ZOJA SPERSTAD

rnrn

Av

rnrn

ErmannornDi Sandro

rnrn

 

rnrn

     L’Artistarnrusso-norvegese (russa di nascita, norvegese di adozione e per scelta di vita)rnZoja Sperstad, pittrice rigorosamente figurativa a caratura internazionale, piùrnvolte recensita su pubblicazioni e riviste specializzate, giornali anchernon-line e quotidiani di tutto il mondo, cui il critico d’arte e d’architetturarnProf. Arch. Ermanno Di Sandro ha pensato bene di dedicare ben 6 pubblicazionirnsapientemente illustrate di cui 2 cartacee tra cataloghi e monografie, si starndedicando da alcuni mesi alla realizzazione di una serie di 20 opere inrnacrilico su tela dedicate alla NewrnNational Opera House di Oslo, città dove si è trasferita dalla fine dirnsettembre 2023, precisamente dal giorno 26, ironia della sorte lo stesso in cuirnsi spegneva la madre del suo critico di riferimento su nominato.

rnrn

     L’uso emozionale del colore è alla base delrnsuo processo creativo. Tra i temi della sua opera pluridecennale figurano irnlegami tra arte e fede ortodossa, la ricerca di antiche identità culturali, ilrnconfronto diretto e indiretto con la scultura classica e, ultimamente, baroccarne del Barocco Romano, la sua personale visione quasi ossessiva della bellezzarnsublime, una ricerca della bellezza mai fugace o temporanea, bensì una bellezzarnsuprema sempre presente da quandorniniziò sin da bambina a dipingere e a disegnare. Altri temi di Zoja Sperstad sonornla bellezza interiore che si riversa e rispecchia su quella esteriore edrnestetica della donna, la ritrattistica quasi esclusivamente femminile e di teste coronate, le icone religiose, irnpaesaggi incontaminati norvegesi soprattutto di Eggedal e della Valle deglirnArtisti, le nature morte, gli studi tipologici e psicologici del colore, e viarndiscorrendo. Si è anche cimentata magnificamente nella foto d’arte e in piccolirnoggetti di design, e la sua creatività sembra inesauribile nella continuarnricerca ed espansione culturale del suo essere artista e Donna di cultura.

rnrn

     Adesso larnNostra sta sperimentando un nuovo, audace linguaggio, in particolare su unarntela di grandi dimensioni, frutto dell’assemblaggio di altre 3. Trattasi delrnsuo processo iniziale di transizione al Cubismo… Quella di Zoja è una nuovarnforma di Cubismo, una sorta di Nuovo Cubismorno Neo Cubismo senza cubi tra arte ed Impressionismo e con contaminazioni espressioniste.  E’ sicuramente un Neo Cubismo di tipo “formativo”, e potrebbe costituire e dare vitarna una nuova corrente contemporanea i cui colori sono anche un po’ fauves… Ermanno Di Sandro ed il suo entourage sono raffigurati nel quadrorndella Sperstad davanti alla New NationalrnOpera House di Oslo e di fronte alla baia del fiordo omonimo.

rnrn

     Per Zoja Sperstad, per suo temperamento, vige semprernpiù il detto secondo il quale colui chernguarda sempre oltre è capace di percepire le cose prima che accadano. Zojarnguarda oltre creando la sua personale avanguardiarndi tipo figurativo, il suo personale NeornCubismo senza cubi. Occorre vivere - dice Zoja - in maniera creativa erndevota amando chi ci salva, ovvero i nostri mecenati che ci aiutanorneconomicamente diffondendo e acquistando la nostra arte, soprattutto promuovendola!

rnrn

     Ma affermarnanche che lo scopo del suo essere un’Artista universale è salvare l’armoniarndella natura umana… Ciò dimostra che le proporzioni del corpo vannornassolutamente rispettate. Il suo cubismo è diverso, perché il mondo dev’esserernsalvato dalla distorsione della natura umana: questo è sempre stato l’obiettivorndi tutti gli scienziati! Dice anzi supplica quasi di non abbandonarsi arnpensieri e tentazioni viziose, per esempio nel comunicare con persone vuote,rnpigre, perverse e piene di vizi, che mirano solo a usare e manipolare personernintelligenti, insultandole e implicitamente denigrandole. Fa notare che occorrernsoddisfare i bisogni umani in maniera morale, senza facili tentazioni ornperversioni! Inoltre le persone - secondo Zoja -  non dovrebbero sprecare il loro prezioso ernridotto tempo in sciocchezze e cose vacue e senza senso.

rnrn

     Il grandern(nonché contraddittorio) Pablo Picasso solo verso il tramonto della sua lunga ernfertile vita lavorativa, creativa ed espressiva nel campo artistico ricominciòrna disegnare e dipingere nuovamente il ritratto classico rispettando lernproporzioni e l’armonia della natura. L’armonia della natura è il motto dellarnvita creativa di Zoja Sperstad e del suo essere al mondo, ed ella non amarnsperimentare cose insulse o stupide con il suo elevato bagaglio e livello dirnconoscenze e talento. Per Zoja il Cubismo è solo e unicamente uno sfondorndell’armonia umana ed è consentito solo come decorazione e architettura inrnnatura! Il corpo ed il viso umano sono bellezza eterna e standard di moralità,rnper salvare il mondo che va alla deriva… La sua armonia di vita è la stessa suarnvisione dell’arte, perché coincidono pienamente: ella non ama ripetere l’arterndegli altri, ma sviluppa sempre le sue esigenze di espressione in manierarnindipendente e personalissima, senza intermediazioni o osservazioni esterne,rneccetto quelle del suo critico d’arte Ermanno Di Sandro, l’unica persona alrnmondo che riesca a comprenderla pienamente, senza filtri, mediazioni o “orpelli”rnvari.

rnrn

     Lo scoporndi questo suo nuovo dipinto è ammirare e far ammirare all’osservatore il cubismo in architettura in un luogornspecifico: la Baia di Oslo, vivace capitale anche culturale della Norvegia, larnquale purtuttavia necessita di una visione anche classica, ma pur semprerninnovativa, dell’arte. I ritratti raffigurati nell’opera sono pochi, ma inrncompenso li userà in gran numero per gli altri dipinti dell’innovativo (e mairntentato prima da nessuno) Progetto dal titolo New National Opera House di Oslo.

rnrn

     Ma qualernrisulta essere la genesi dell’opera in questione, chi e/o quale circostanzarnl’hanno ispirata?

rnrn

     Si erarnsvolta nei giorni immediatamente precedenti a Teano, non lontano dalla Reggiarndi Caserta, dunque in Italia, una mostra dedicata al linguaggio artistico dirnPablo Picasso reinterpretato dagli studenti dell’Accademia delle Belli Arti dirnNapoli. La mostra era stata anche visitata dal critico d’arte Prof. Arch.rnErmanno Di Sandro, il quale sull’onda dell’entusiasmo aveva inviato più fotorndescrittive della cerimonia inaugurale del 4 dicembre 2023 all’artista russo-norvegesernZoja Sperstad, sua artista di maggior riferimento residente per l’appunto arnOslo, la quale, ispirata dalle predette foto e dall’immagine nonchérngigantografia di Picasso che accoglieva i visitatori della kermesse, aveva incominciatornsubito a mettersi anche lei “all’opera” dedicandosi alla realizzazione di unrngrande quadro di notevoli dimensioni, su suggerimento dello stesso critico.

rnrn

     La tela,rnassolutamente audace e innovativa, sarebbe stata costituita da almeno 4 telernminori che sarebbero state assemblate nelle esposizioni future per poi esserernnuovamente smontate per permettere lo spostamento dell’opera presso le galleriernd’arte, esposizioni, mostre, vernissage e pinacoteche, almeno questo nellernintenzioni del Di Sandro e della stessa Sperstad.

rnrn

     Si farnpresente che i soggetti rappresentati nella tela saranno in definitiva lornstesso Picasso, Zoja Sperstad, Ermanno Di Sandro (contemporaneamente accanto arnPicasso e ripreso “di profilo” su sua esplicita richiesta) e altri due amicirndella pittrice, l’editore-fotografo Benito Vertullo e l’attrice-cantanternNatalia Simonova, ovvero il gruppo di lavoro con cui l’Artista ed il suorncritico collaborano brillantemente già da qualche mese.

rnrn

     La granderntela apparterrà ad un ciclo di 20 opere tutte ispirate alla New National OperarnHouse di Oslo, ma anche al balletto, agli attori e protagonisti dellernrappresentazioni teatrali, ed al suo encomiabile ed instancabile gruppo dirnlavoro. Zoja sa benissimo che oggi la pittura è anche lavoro di squadra, perrncui non basta realizzare una tela, ma occorre ispirarla, fotografarla,rnrecensirla, pubblicarla, spiegarla, rappresentarla, esporla, teatralizzarla, immaginarla a volte comernfosse il fondale di un’innovativa scena teatrale…

rnrn

   ZojarnSperstad ha inoltre esposto ultimamente a Roma 46 sue meravigliose opere anchernispirate alla Roma Barocca con un vernissage di grande impatto dal titolo: “ZojaRomArt”rn- Un tuffo nella Roma Barocca di Zoja Sperstad, ovvero un progetto espositivo fuori dagli schemi per la “Stella Polare dell’Arte” lungo irnsentieri del suo immaginario nella CittàrnEterna.

rnrn

     L’Artista ha infatti esposto dal 31rnottobre al 9 novembre 2023, con vernissage il 1° novembre, presso larnprestigiosa Medina Art Gallery, Via Angelo Poliziano, 32-34 – ROMA; trattasi dirnun’Artista russa, naturalizzata norvegese, nonché di una pittricernorgogliosamente figurativa a caratura internazionale, sicuramente una grande ernrara personalità del mondo dell’arte. L’artista è donna dalle capacitàrnartistico-compositive strabilianti, piena di inesauribili risorse creative, dirnfertili esperienze dovute al suo vissuto e ai suoi studi filosofici nonchérnriflessioni etiche e artistiche sulle sorti del mondo. La Sperstad è anchernDonna di pace e armonia, che porta sempre con sé un chiaro messaggio ernun’innata visione di libertà da tutte le guerre e conflitti che a nulla portanorntranne che ad un’insensata devastazione materiale, fisica e psicologica.

rnrn

     Zoja Sperstad harnrecentemente considerato Roma, prima di quest’ultima esperienza cubista senza cubi, al pari di unarnmeravigliosa e straordinaria quanto dinamica scena artistica, un proscenio perrnil mondo intero, soprattutto quando si parla della Roma Barocca… La città eternarnè il centro metafisico ed il prestigioso sipario della nostra civiltà, ne è ilrnnaturale palcoscenico, e può ancora oggi salvare tutte le culture del mondo,rnsoprattutto quelle del mondo occidentale attanagliate da una grave crisi dirnidentità.rnPresso la Medina Art Gallery ha esposto con un vernissage figurativo di grande impatto quadri ispirati – tra glirnaltri - anche alla meravigliosa Roma Barocca, quella di Gian Lorenzo Bernini erndi Francesco Borromini, quella dei grandi papi e delle importanti famigliernnobiliari, a volte però con interessanti suggestioni di tipo metafisico, ma anche alla Roma imperialerned al classicismo raffinato del sommo Antonio Canova e di Giuseppe Valadier. E’rnin dialogo costante e quasi giornaliero – per sua libera scelta - con il suo onnipresente critico d’arte Ermanno DirnSandro, delle cui opinioni accetta arndistanza (ben 2.400 chilometri) suggerimenti e spunti per il rinnovorncostante del suo già ricco lessico iconografico-figurativo, non accettandornaltre risorse che non siano le proprie essendo pienamente consapevole della suarnforte personalità e capacità linguistiche, semantiche ed esecutive.

rnrn

     Tornando al dipinto in questione, unrnacrilico su 4 tele per complessivi centimetri 160x140, esso descrive irnpersonaggi testé nominati in quanto figure che non inficiano o disturbanornminimamente i tre edifici principali (sullo sfondo nonché fondo della tela) dell’area interessata da un recente e grandiosornprogetto e processo di riconversione urbana che contraddistingue la zona piùrnimportante e incastonata della baia, il cosiddetto “Oslofjorden” ovvero ilrnFiordo di Oslo. Trattasi della New National Opera House al centro, della DeichmanrnBjørvika che è la biblioteca principale di Deichman, a sinistra, e del MunchrnMuseum a destra, ovvero dei tre principali edifici di Oslo di recentissimarncostruzione, tre grandi opere di architettura “cubiste” che sembrano dialogarerntra loro in maniera perfetta quanto colta e innovativa, unico esempio al mondorndi alta architettura i cui progettisti, forse inconsapevolmente, si sonornispirati all’architettura cubista, una neornarchitettura cubista che di fatto si ispira più al cubismo formativo che arnquello analitico, mentre quello sintetico qui è pressoché inesistente. ZojarnSperstad ed Ermanno Di Sandro si ispirano ed ispirano l’opera a questerngrandiose architetture. Lo sfondo sovrappone alla rampa dell’Opera House ed al blocco architettonicorndel museo dedicato all’opera pittorica di Edvard Munch la nuova biblioteca e ancorarnl’Opera House in un dialogo colto a livello di fughe prospettiche, di colori erndi sovrapposizioni. Il cielo è a sua volta “cubista” nelle sue linee dirnintersezione che ci riportano alle campiture rosse, gialle, blu ma ancherncelesti dell’arte informale e del Neoplasticismo di Piet Mondrian, solo che quirnle linee di contorno non sono perpendicolari come nel linguaggio semantico delrnMondrian, ma triangolari e cubiste per l’appunto, anche piramidali.

rnrn

     Sia il cielo che la pavimentazione sonorncubisti e neoplastici al contempo, ed i personaggi rappresentati nelle due telernsuperiori, Zoja Sperstad in costume tradizionale norvegese, Benito Vertullo arnsinistra e Natalia Simonova a destra, fanno da contraltare ai “big” della parterninferiore della composizione, con Ermanno Di Sandro seduto al centro, PablornPicasso cui egli si rivolge con gesto amichevole comodamente seduto a sinistra,rne lo stesso profilo del critico d’arte che sporge dal bordo destro della quartarntela posta in basso a destra, il quale osserva che tutto sia posizionato alrnposto giusto e in armonia grazie al fare artistico ed alla dinamica azionerndella pittrice, contemplativa e dinamica a sua volta nella sua azionerncultural-artistica. Zoja Sperstad lo immagina con riconoscenza – Ermanno DirnSandro - come il grande ispiratore del suo capolavoro, ma i meriti dellarncomposizione d’insieme sono i suoi, di Zoja… Sportivamente nella tela - e nonrnsolo - i due personaggi amano dividersi i meriti al 50%, per il fatto che ilrnprocesso artistico sia costantemente controllato dal critico d’arte secondo unrnnuovo modo del fare artistico.

rnrn

     Ovviamente i colori delle tre architetturernsono trasfigurati come già scritto in precedenza, un po’ espressionisti, un po’rnfauves, un po’ impressionisti, in un tripudio di stili e sintesi che lascianornesterrefatti per l’abilità dell’Artista e le sue capacità immaginative. Nernderiva un dipinto-capolavoro di elevatissimo livello, un’opera neppurernlontanamente immaginata da qualsiasi artista degno di questa definizione alrnmondo!  Ma, dulcis in fundo, c’è dell’altro…

rnrn

     Nella Baia-Fiordo di Oslo è visibile una grandernscultura in ferro su piattaforma-piedistallo di calcestruzzo cementizio armatornposta giusto al centro, poco distante dal Teatro dell’Opera ma anche dal nuovornmuseo dedicato a Munch, la quale ha ispirato certamente teatro, museo ernbiblioteca: trattasi di una scultura circumnavigabilernvisibile a 360° che trae certamente ispirazione da un celebre quadro romantico,rn Ilrnmare di ghiaccio (in tedesco DasrnEismeer), conosciuto anche come Ilrnnaufragio della speranza, il quale è un dipinto di Caspar David Friedrichrnla cui realizzazione è datata tra il 1823 ed il 1824, attualmente custoditornpresso la Kunsthalle di Amburgo. Pochi lo sanno e molti nemmeno lo immaginano,rnma tal è.

rnrn

     ShernLies - questo è il suo nome - è un’opera molto scenografica realizzatarndall’artista italiana Monica Bonvicini che si trova per l’appunto nella baia dirnfronte alla Norwegian National Opera & Ballet. Si tratta dirnun’installazione permanente realizzata in vetro e acciaio, poggiata su di unarnpiattaforma in cemento che galleggiarnsull’acqua. Questa scultura audace quanto avveniristica, certamente d’avanguardia, che rappresenta una sortarndi iceberg che nelle giornate di sole regala riflessi sempre cangianti arnseguito del suo fluttuare, è un’opera davvero bella, singolare, originale.      Trattasirndi un’operarnparticolarissima, di impatto immediato sia per le sue caratteristiche costruttivernche per la forma aguzza, spigolosa, tagliente, sia per la posizione cherncertamente tende ad attirare la curiosità, da qualsiasi punto la si guardi neirndintorni. In una giornata coperta o nuvolosa o con poca luce non harnprobabilmente l’effetto migliore ma è davvero interessante ed apprezzabile dalrnlato artistico ed estetico. Molti turisti inrnvisita ad Oslo apprezzano questa ingegnosa scultura della Bonvicini.
rn     Realizzata in acciaio inossidabile ernvetro, ruota attorno ad un asse in funzione del vento e delle onde ed offrendornspettacolari riflessi di luce senza soluzione di continuità. Rappresenta unarnversione moderna e contestualizzata del dipinto dell'artista tedesco CasparrnDavid Friedrich chiamato per l’appunto Ilrnmare di ghiaccio, e questa sua versionernscultorea moderna è davvero lodevole, facendosi

rnrn

piacevolmenternnotare affacciandosi dalla New NationalrnOpera&Ballet, galleggiando sui flutti dell'antistante specchio d'acqua.rn

rnrn

     L’installazione permanente She Lies fu presentata alrnpubblico l'11 maggio 2010. L'opera, commissionata da Public Art Norvegia, “galleggia”rncome una vera e propria massa di ghiaccio. Reagendo al cambiamento delle mareerne dei flutti, l'installazione gira attorno al proprio asse e si sposta entro unrnraggio di 50 metri. Gli specchi e i pezzi trasparenti forniscono riflessi inrncontinua evoluzione. La Bonvicini descrisse l’opera come “un monumento a uno stato di cambiamento permanente”. Essa èrnrealizzata in polistirolo, acciaio inossidabile, pannelli di vetro riflettenterne schegge di vetro, e poggia su un pontile in cemento dotato di un solido sistemarndi ancoraggio. La scultura “monumentale”, le cui dimensioni sono (12x17x16)m, èrnuna reinterpretazione tridimensionale del celebre dipinto posta giusto di fronternal Teatro dell'Opera di Oslo

rnrn

      Ermanno Di Sandro e Zoja Sperstad hannorntratto ispirazione per dare inizio alla realizzazione della tela poi realizzatarndalla stessa Sperstad, intuendo l'influenza (diretta o indiretta?) di CasparrnDavid Friedrich con la sua opera romantica di una bellezza sublime, ovvero il dipinto DasrnEismeer, sulla costruzione dell'architettura del Teatro dell'Opera di Oslo,rned intuendo il riflesso della spigolosità e drammaticità del quadro di questo grandernartista anche sulle altre due opere prospicienti già menzionate, grazie allernsue linee di contorno spezzate. Inoltre, sulla tela così come direttamenternnelle tre opere di una così elevata architettura si riflette anche il Cubismornrappresentato da Picasso. In questa sua tela così come nelle altre dellarnmedesima serie l’Artista Sperstad intende rispecchiare tutti questi artisti, larnvita dei norvegesi e la storia dell'opera e del balletto di tutto il mondo, nonrnsolo in Norvegia.

rnrn

     Questi tre audaci edifici sono “collegati”rntra di loro in uno stile “cubico nonchérncubista” comune, che è simile al primo Cubismo di Picasso ed a quello dirntipo “formativo”, e rappresentano l'architettura più bella della città, larncomposizione per eccellenza in riva al mare nel fiordo norvegese di Oslo: l’OperarnHouse, il Museo Munch e la Biblioteca Deichman Bjørvika, per l’appunto.

rnrn

     Fornirò adesso solo alcune informazionirnsui tre edifici summenzionati e reinterpretati dalla Sperstad nel suo straordinariorngrande quadro, che certamente farà la storia dell’arte.

rnrn

     DeichmanrnBjørvika è la biblioteca principale di Deichman, la bibliotecarnpubblica del Comune di Oslo. Si trova a Bjørvika, accanto al Teatro dell'Operarndi Oslo. I lavori di costruzione iniziarono nel 2013 per essere completati 6rnanni dopo, nel dicembre 2019. L'apertura della nuova biblioteca prevedevarnl'apertura con le collezioni della vecchia biblioteca principale di Hammersborgrne un'offerta pubblica ampliata il 28 marzo 2020, ma l’inaugurazione furnposticipata a causa della pandemia da coronavirus che iniziava proprio arnpartire dai primi mesi del 2020. L'inaugurazione ufficiale avvenne il 18 giugnorn2020. La biblioteca ha vinto numerosi premi, tra cui il Premio Biblioteca dell'Anno 2020 dell'Associazione norvegese dellernbiblioteche, ed altri ancora.

rnrn

     Tale nuova biblioteca principale di Oslo èrndiventata una sorta di casa per tuttirne l'architettura esprime apertura e uguaglianza, ed ai libri è stato dato ilrnposto di rilievo che meritavano. L'edificio ha una bella materialità ernvolumetria, una forma audace e innovativa, uno sbalzo impressionante rivoltornverso il fiordo, un involucro originale e bello anche quando illuminato larnsera, infine una ricchezza di idee tali per cui è diventato il cosiddetto genius loci della zona del porto. Ilrnpiano inferiore dell'edificio ospita librerie, una sala cinema e un auditoriumrnper 200 persone. Gli ingressi conducono al primo piano, che ospita anche unrnbar/ristorante e una reception. 

rnrn

     Il MunchrnMuseet sembra ispirarsi a ciò che diceva e pensava Edvard Munch, ilrnquale non accettava le regole stabilite, lottando contro le contraddizioni, senzarnmai arrendersi. L'edificio è lì, ha una presenza forte, è parte della città. E’rncome se dicesse a tutti che con la sua presenza custodisce l’eredità artisticarnpiù importante della Norvegia, come se la stessa città ed i suoi sognirncollettivi l’avessero reso concreto, unico e inimitabile, con una presenza forte,rngranitica, distinguibile da qualsiasi punto di vista. 

rnrn

     La prima pietra del nuovo museo fu postarnnell'autunno del 2016, dopo un lungo e acceso dibattito sia sul design chernsulla posizione. Le polemiche non mancarono, e ancora oggi sono più che mairnvive anche tra gli intellettuali e addetti ai lavori, architetti, ingegneri,rnpaesaggisti, storici dell’arte... 

rnrn

     La facciata è pensata per riflettere le condizionirndi luce di Oslo che cambiano costantemente durante il giorno e nelle diversernstagioni dell’anno.

rnrn

     La genesi del nuovo edificio si basarnsull'idea di un innovativo museo verticale, dove le funzioni principali sonornorganizzate verticalmente. Alto 60 metri, rivestito in lastre di alluminiornriciclato, traslucido e forato, e con la caratteristica curvatura in alto,rnl'edificio è ben visibile e riconoscibile da tutti i lati e da lontano. Molternsale espositive distribuite su più piani consentono grandi variazionirnnell'altezza e nelle dimensioni del soffitto, in modo tale che sia le mostrernpermanenti che quelle temporanee possano essere offerte e organizzate in unrnambiente ideale.

rnrn

     Il desiderio degli architetti è stato chernil pubblico apra gli occhi non solo sull'arte, ma anche su Oslo e sulla storiarndella città, e che l'edificio contribuisca in questo modo a stabilire un forternrapporto tra lo sviluppo urbanistico e urbano della zona e l'arte di EdvardrnMunch.

rnrn

     La struttura consente il risparmiornenergetico e la ventilazione naturale nella sua parte dinamica. Inoltre, la facciata che guarda verso est fa sì che sirneviti un rapido riscaldamento nei mesi estivi. Nel complesso molte delle scelternfatte dagli architetti, ingegneri e tecnici si basano su considerazionirnclimatiche e tecnico-impiantistiche.

rnrn

     Perrnquanto riguarda invece la New NationalrnOpera House, l’Opera e il Balletto norvegese sonornstati gli utenti finali del grandioso edificio. Essi sono la più grandernistituzione musicale e teatrale della Norvegia. Il loro scopo principale è statorned è quello di essere il produttore nazionalerndi opera, balletto, musica, teatro danza e concerti. Essi con il nuovornsuperbo edificio Intendevano offrire circa 300 spettacoli per 250.000rnvisitatori l'anno. Il Teatro dell'Opera è un luogo di lavoro e di cultura per circarn600 dipendenti provenienti da più di 50 professioni.

rnrn

      Il teatro dell'opera, uno degli edificirnpiù riconoscibili al mondo per la sua architettura e posizione in seno allarnpunta finale, ovvero l’incavo estremo della baia del fiordo della capitalernnorvegese, al pari dell’Opera House di Sydney disegnata dall’architetto danese JornrnUtzon, è la realizzazione del progetto vincitore del concorso. Ecco spiegato inrnpoche parole il concetto di base del grandioso edificio. "Il muro dellernonde”: l’opera e il balletto sono forme d'arte giovani in Norvegia. Queste formernd'arte si evolvono in un contesto internazionale. La penisola di Bjørvika farnparte di una città portuale, che storicamente è il punto d'incontro con ilrnresto del mondo. La linea di demarcazione tra la terra "qui" ernl'acqua "là" è una soglia reale, concreta e simbolica. Questa sogliarnsi realizza come un grande muro sulla linea d’incontro tra terra e mare,rnNorvegia e mondo, arte e quotidianità. Questa è la soglia estrema dove ilrnpubblico incontra l'arte.

rnrn

     Il bando di concorso stabiliva che ilrnteatro dell'opera dovesse essere di elevata qualità architettonica e dovessernessere monumentale nella sua espressione. Un’idea basilare è emersa perrnlegittimare questa monumentalità: il concetto di insieme, proprietà congiunta,rnaccesso facile e aperto a tutti. Per ottenere una monumentalità basata surnqueste nozioni il gruppo internazionale Snohetta ha voluto rendere l'operarnfruibile nel senso più ampio possibile, stendendo brillantemente fin sullarnsommità dell'edificio un “tappeto” di superfici orizzontali e inclinate. Arnquesto tappeto è stata data una forma articolata, legata al paesaggio urbano.rnLa monumentalità si ottiene attraverso l'estensione orizzontale e non larnverticalità (come nel caso del Museo Munch). La base concettuale del concorso -rne dell'edificio finale - è una combinazione di questi tre elementi: il murornondulato, la fabbrica e il cosiddetto tappeto.rnIl “tappeto”, come si è visto successivamente, è utilizzato anche perrnmanifestazioni pubbliche, cori, incontri della collettività, raduni, appuntamentirnvari anche musicali, e via discorrendo.

rnrn

ProfessorrnArchitect Ermanno Di Sandro, Writer and Art&ArchitectureCritic@,

rnrn

Decemberrn18, 2023.

rnrn

 

rnrn

RESOCONTO/ELENCOrnDELLE PUBBLICAZIONI E ARTICOLI RELATIVI A “ROME SOLO EXHIBIT”, VERNISSAGE DI ZOJArnSPERSTAD A ROMA

rnrn
    rn
  1. MEDINA ART GALLERY: https://www.medinaroma.com/events/zoja-sperstad-rome-solo-exhibit/
  2. rn
  3. EXIBART: in attesa
  4. rn
  5. IL TACCO DI BACCO: https://iltaccodibacco.it/en/lazio/eventi/265758.html
  6. rn
  7. IO ARTE: http://www.ioarte.org/eventi/Mostre/Rome-solo-exhibit-di-zoja-sperstad-3/
  8. rn
  9. OGGI ROMA: https://www.oggiroma.it/eventi/gallerie/rome-solo-exhibit-di-zoja-sperstad/72475/
  10. rn
  11. ROME TODAY: https://www.romatoday.it/eventi/rome-solo-exhibit-di-zoja-sperstad.html
  12. rn
  13. JULIET ART MAGAZINE: in attesa
  14. rn
  15. LAZIO EVENTI: https://lazioeventi.com/eventi/rome-solo-exhibit-di-zoja-sperstad
  16. rn
  17. ULTIMISSIMO MINUTO: https://www.ultimissimominuto.com/eventi/lazio/roma/73543/rome-solo-exhibit-di-zoja-sperstad/
  18. rn
  19. FUNWEEK: https://www.funweek.it/roma/evento/rome-solo-exhibit-di-zoja-sperstad/amp/
  20. rn
  21. ITALIVE: in attesa
  22. rn
  23. TUTTI GLI EVENTI: https://www.tuttiglieventi.it/evento.asp?id=68686
  24. rn
  25. LINEA D’ARTE: https://www.lineadarte-officinacreativa.org/loc/evento/other-rome-solo-exhibit-di-zoja-sperstad/
  26. rn
  27. GIRA ITALIA.COMhttps://www.giraitalia.com/link__evento/idevento__5816
  28. rn
  29. ROMACHEAP: https://romacheap.it/arte/42178/rome-solo-exhibit-di-zoja-sperstad.html
  30. rn
  31. OKARTE: in attesa
  32. rn
  33. ROMA DAILY NEWS: https://www.romadailynews.it/evento/rome-solo-exhibit-di-zoja-sperstad/
  34. rn
  35. GIRO PER EVENTI: https://giropereventi.it/evento/rome-solo-exhibit-di-zoja-sperstad-a-roma/
  36. rn
  37. BEEVENTS: in attesa
  38. rn
  39. MELOBOX: https://www.melobox.it/zoja-sperstad-rome-solo-exhibit-medina-roma-art-gallery/
  40. rn
  41. MOVE MAGAZINE: in attesa
  42. rn
  43. ARTE.IThttp://www.arteit.it/Pages/Events/Mostre.aspx?mode=scheda&id=2700
  44. rn
  45. INFORMAZIONE.IThttps://www.informazione.it/c/D7109369-BF3A-4B56-899C-CCC23F4FAC38/Rome-Solo-Exhibit-di-Zoja-Sperstad
  46. rn
  47. NELLA NOTIZIA: https://www.nellanotizia.net/scheda_it_132790_Rome-Solo-Exhibit-di-Zoja-Sperstad-_1.html
  48. rn
  49. EVENTI MAGAZINE PRAGMA: in attesa
  50. rn
  51. TUTTO DIGITALE: in attesa
  52. rn
  53. POINT OF NEWS: https://www.pointofnews.it/ultime_notizie_su_zoja
  54. rn
rnrn

 

rnrn

BIBLIOGRAFIA DEDICATArnA ZOJA SPERSTAD O CON ALCUNE SUE OPERE RIPRODOTTE

rnrn

·        rnErmanno DirnSandro, Zoja Sperstad, l'artista dell'armonia universale e dell'amorernvenuta dal Nord (saggio-catalogo del doppio vernissage di Sanremorndell'8/9 febbraio 2023), Editore Benito Vertullo, 2023 (ISBN 979-12-80541-07-9)rn(in versione digitale)

rnrn

·        rnErmanno Di Sandro, Un monumento per Norma. Storia del monumentorndedicato alla più piccola vittima del naufragio dell'Andrea Doria, EditorernBenito Vertullo, 2023 (ISBN
rn979-12-80541-09-3) (in versione digitale)

rnrn

·        rnErmannornDi Sandro, Zoja Sperstad - L'Arte e ilrnPensiero della "Stella Polare dell'Arte" venuta dal Nord: Granderninterprete dell’armonia cosmica, della bellezza suprema, della sensibilità erndell'emotività dell'amore, Editore Benito Vertullo, 2023;rnCopertina flessibile (ISBN 979-88-64353-17-2)

rnrn

·        rnErmanno Di Sandro, Zoja Sperstad -rnL'Arte e il Pensiero della "Stella Polare dell'Arte" venuta dal Nord:rnGrande interprete dell'armonia cosmica, della bellezza suprema, dellarnsensibilità e dell’emotività dell'amore, Editore Benito Vertullo, 2023rn(DISANDROARTE Vol. 5); Formato Kindle (inrnversione digitale) (ISBN 979-12-80541-01-7)

rnrn

·        rnErmanno Di Sandro, “ZojaRomArt”: Unrntuffo nella Roma Barocca di Zoja Sperstad. Un Progetto Espositivo fuori daglirnschemi per Zoja Sperstad – la “Stella Polare dell'Arte”, presso: Medina ArtrnGallery - Roma, Editore Benito Vertullo, 2023; Copertina flessibile (ISBN 979-12-80541-05-5)

rnrn

·        rnErmanno Di Sandro, "ZojaRomArt”:rnUn tuffo nella Roma Barocca di Zoja Sperstad. Un Progetto Espositivo fuorirndagli schemi per Zoja Sperstad – la “Stella Polare dell’Arte” – lungo irnsentieri del suo immaginario nella Città Eterna, Editore Benito Vertullo,rn2023 (DISANDROARTE Vol. 6); Formato Kindle (in versione digitale)rn(ISBN 979-12-80541-10-9)


Quotazione

 23.11.23 Ermanno Di Sandro:  La consegna ufficiale dei miei due volumirnsulla grande e raffinata Arte di Zoja Sperstad al bibliotecario ufficiale generalerndell'Università di Oslo ed al regista-documentarista di Umberto Eco DavidernFerrario!!!

Complimentirnall'Autore Ermanno Di Sandro, a Zoja Sperstad per la grande impresa e all'Editore Benito Vertullo! Volare sempre alto sospinti dal vento dellernforze positive che ci circondano, ci amano e ci aiutano! 

EDS 

15.11. 2023rnErmanno Di Sandro : I miei due dei sei libri/cataloghi dedicati all'arte di Zoja Sperstad gia' appartengono e sono patrimonio dellarnBiblioteca dell'Università delle Arti di Oslo! Congratulazioni a Ermanno Di Sandro, Zoja Sperstad e Benito Vertullo! Grande e brillante traguardo raggiunto!

EDS 

09.10.23 Ermanno Di Sandro: Ilrnmio ultimo catalogo plurilingue sull'arte di Zoja Sperstad consegnato stasera presso la sede della SocietàrnRussa nel centro di Roma.

Ermanno Di Sandro author

Benito Vertullo editor 

I libri in formato cartaceo edrnelettronico:

1.Zoja Sperstad - L'Arte e il Pensierorndella "Stella Polare dell'Arte" venuta dal Nord: Zoja Sperstad -rnGrande interprete della bellezza suprema, della sensibilità e dell'emotivitàrndell'amore, autore professore d'arte Ermanno Di Sandro. ISBNrn9798864353172,

https://www.amazon.it/Zoja-Sperstad-interprete-sensibilit%C3%A0-dellemotivit%C3%A0/dp/B0CL53L3V5/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&keywords=ermanno+di+sandro&qid=1700145572&sr=8-1

2. ZojaRoma Art - Un tuffo nellarnRoma Barocca din Zoja Spestad: Un Progetto Espositivo fuori dagli schemi perrnZoja Sperstad – la Stella Polare dell'Arte, presso Medina Art Gallery (Roma). ,rnautore professore d'arte Ermanno Di Sandro, ISBN 9791280541055. Monografiarnsull'artista norvegese/dottore d'arte italiano Zoja Sperstad

https://www.amazon.it/ZojaRoma-Art-Progetto-Espositivo-Sperstad/dp/B0CHL19RRR/ref=sr_1_2?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&keywords=ermanno+di+sandro&qid=1700145572&sr=8-2

La bellezza è un dono per una personarnvedente per la salute dell'anima e del corpo! I miei dipinti, come riflessorndella bellezza, rappresentano un codice di salvezza da truffatori e ladri airnpiù svariati livelli... Oggi il nostro mondo è pieno del virus dell’inganno inrntutte le sfere sia della politica che della vita privata! Ci si salva e si èrnfelici solo praticando e comprendendo appieno la bellezza.- Zoja Sperstad

Il professore d'arte Ermanno Di Sandro ha scritto 6 libri su Zoja Sperstad, che vengono venduti inrntutto il mondo e consegnati a diverse biglietterie di scuole d'arte e cultura ernuniversità di Oslo e Roma.

Prof. Arch. Ermanno Di Sandro:  Questo articolo èrnacquistabile con il Bonus Cultura e/o Carta del Docente quando venduto ernspedito da Amazon. Sono esclusi prodotti di Venditori terzi del Marketplace. IlrnBonus è strettamente personale e può essere utilizzato esclusivamente dal suorntitolareTermini e condizioni

Sinossirnde: “Zoja Sperstad, l’arte e il pensiero della “Stella Polare dell’Arte”rnvenuta dal Nord, grande interprete dell’armonia cosmica, della bellezzarnsuprema, della sensibilità e dell’emotività dell’amore”.

Il volumernè una grande e sorprendente monografia del critico d’arte e d’architetturarninternazionale Ermanno Di Sandro sull’arte figurativa di una grandernartista universale, Zoja Sperstad, straordinario personaggio chernmostra di possedere doti più uniche che rare, si direbbe eccezionali,rncome la capacità illimitata di guardare con ottimismo in avanti, e risorsernincredibili che la fanno viaggiare con la mente grazie alle sue opere, ma anchernfisicamente nei tanti viaggi che intraprende con coraggio e semplicità in girornper il mondo, trasmettendo il suo linguaggio ovunque, in mostre collettive ernpersonali, nelle istituzioni, nelle gallerie, tra poco sicuramente nei musei erngrandi pinacoteche internazionali. Perché i capolavori di Zoja Sperstad eritano notorietà ed un plauso generale nonostante un linguaggio complesso marnche appare semplice e certamente accattivante, armonioso quanto colto, bellornquanto universale, ricco di spunti che sanno emozionare e ammaliare.

Per l’Autore risulta difficile e una vera e propria sfida concentrarsirnsulle innumerevoli contaminazioni del suo linguaggio, perchérnsoggiogato dalle emozioni e dalla sua poetica, dalla trasmissione dell’essenzarnstessa della sua anima femminile di Donna moderna ma contemplativa e legatarnancora al classicismo figurativo, che predilige a discapito del freddo astrattismornche aborra nel vero senso del termine, che purtroppo – secondo il suo franco marnaltrettanto fermo punto di vista – dilaga nel mondo globalizzato tutto uguale arnse stesso.

A Zoja -scrive sempre l’Autore - non piace che tali opere che si esprimono secondo unrnlinguaggio indifferente alle diverse culture che avrebbero dovuto generarle,rnsiano praticamente tutte simili per pennellate, materiali, linguaggio unicornglobalizzato, spettacolari ma povere di spunti culturali, e che siano legaternall’attuale business imperante nel mondo tendente ad emarginare la vera arternfigurativa, sinonimo di bellezza universale e di armonia. Ella ama trasmetterernarmonia e amore, non tensioni, perché il suo mondo interiore è meraviglioso,rnsereno, ed Ella sa vedere – come i lettori avranno modo di apprendere leggendornattentamente la monografia - il bello supremo in ogni cosa, in ogni momento -rnbenché triste o grigio – della vita.

Un libro interessante e fuorirndal comune che mette in luce anche il variegato mondo e pensiero dell’Artista,rnche afferma con convinzione che tra le persone la felicità è contenuta nellarnreciproca attenzione, e che la cortesia, soprattutto quella di Zoja, generarnsolo rispetto e amore. Prof. Arch. Ermanno Di Sandro   https://www.amazon.it/Zoja-Sperstad-interprete-sensibilit%C3%A0-dellemotivit%C3%A0/dp/B0CL53L3V5/ref...

Premi

Premi

- Vernissage della mostra itineranterndell'artista internazionale Zoja Sperstad, Premio-The North Polar Star, Ilrnfestival Sanremo 2023 - Professore Architettorn Ermanno Di Sandro, Scrittore Art&ArchitectureCritic@: presentazione nellornstudio televisivo Sala MostrarnGrand Hotel & Des Anglais Sanremo, CorsornImperatrice 134, 18038, giovedì 09.02 ore 16.30.

- Galleria Milanese (Via Marco Formentini,rn4 - BRERA) la mostra 17.05.2022- 23.5.2022 Milano. Premio- Premio Creativarnall'artista Zoja Sperstad 16.05.2023

- Qatar International Art Festival 2022,Direttore del Festival QIAF, 25.09-1.10 2022, Premio per irndipinti ad olio:rnNesna - Petter Dass. Premio per la presentazione creativa dirnun proprio lavorornper un costume da festa con decorazioni..

- Zoja Sperstad - 2021 Alexander MuseumrnPalace Hotel di Pesaro. Italia. 1 del dipintornè stato acquistato per il thernrnMuseum.

- Museo 2021 a Terni DIOCESANO: ZojarnSperstad ha vinto il Premio che sarà consegnatorndal Museo al Vernissage Petergoff a San Pietroburgo nel marzo 2021

Attestati

2021 Alexander Museum Palace Hotelrnin Pesaro. Italy. 1 of the painting has been bought for the Museum.

2021 The exhibition has beenrnconfirmed in Milan 5 to 10 September 2021 on the occasion of Milan Design Week 

2021 In Venice "CANALGRANDErnPALAZZO PRIULI-BON" which will be held from 1 August to 10 August inrnPALAZZO PRIULI-BON by Loreta Larkina  

2021 Galleria Milanese (Via MarcornFormentini, 4 - BRERA) the exhibition from 25 July to 1 August in Milan curated by Roseli Crepaldi 2019 - 2022 

2020 INTERNASJONALE VISUELLE ART EVENT PÅ DEN PRESTIGE PARIS GALLERIET "BORTONE" - DAL 20 AL 27 SETTEMBRE, Parigi, France

2020 Mostra di opere di artisti italiani - GEORGI Arn ON MY MIND. Tibilisi, Georgia

2020 Alexander Museum Palace Hotel a Pesaro, Italia

2020 Design Week, Milano, Museo Alda Merini, Milano,rnItalia

2019 Loreta Larkina Arte, Venezia

2010, 2011 Bragernes Servizio telai a Drammen,rnNorvegia

2005 Rappresentata alla mostra d'esame Bodø University College, Norvegia

2005 Mostra a Nesna "Bluernto the coast", Norvegia

2004 Galleria Ludviks a Nesna / Helgeland, Norvegia

2004 Rappresentata alla mostra d'esame NesnarnUniversity College, Norvegia

1999-2002 biblioteca nel comune di Nesna, Helgeland, Norvegia

1998-1999 Rappresentata in una mostra a Drammen,rnassociazione artistica, Norvegia

1996-1997 Rappresentata in mostre a Kirkenes, Vadsø, Norvegia

Jektvik nel comune di Rødøy, Norvegia

1991- 94 Rappresentata in una mostra a Oulo, Finlandia

1985- 1997 Diverse mostre presso l'associazione artistica nella contea di Murmansk 

Bibliografia

Qualifiche principali di Zoja Sperstad (nata il 16.07.1954):

Master in Conoscenza pratica. Insegnante d'arte.rnConsulente professionale.

Giornalista online (reportage foto/video).

Buona panoramica della vita culturale in tutto il mondo.

Lunga esperienza come artista visiva, pedagoga, docente di corsi.

Zoja Sperstad - 1487 pubblicazioni filosofiche con poesia in lingua russarnsul portale della letteratura in Russia:  

https://stihi.ru/avtor/zoja1954

  I libri in formatorncartaceo ed elettronico:

1.Zoja Sperstad - L'Arte e ilrnPensiero della "Stella Polare dell'Arte" venuta dal Nord: ZojarnSperstad - Grande interprete della bellezza suprema, della sensibilità erndell'emotività dell'amore, autore professore d'arte Ermanno Di Sandro. ISBN 9798864353172,

2. ZojaRoma Art - Un tuffo nellarnRoma Barocca din Zoja Spestad: Un Progetto Espositivo fuori dagli schemi perrnZoja Sperstad – la Stella Polare dell'Arte, presso Medina Art Gallery (Roma). ,rnautore professore d'arte Ermanno Di Sandro, ISBN 9791280541055. Monografia sull'artista norvegese/dottore d'arte italiano Zoja Sperstad

   https://www.mondadoristore.it/Zoja-Sperstad-artista-Ermanno-Di-Sandro/eai979128054107/

s://www.sfogliami.it/fl/270831/9dzt13439kjyprd6cgnujh5vfxjbrdrv#page/1

https://zojasperstad.blogspot.com/2023/02/the-vernissage-of-sanremo-of-910.html  

https://www.ermannodisandro.com/

https://www.amazon.it/Sperstad-Pensiero-Stella-polare-dellArte-ebook/dp/B0CFD28326/ref=sr_1_3?qid=1700599771&refinements=p_27%3AErmanno+Di+Sandro&s=digital-text&sr=1-3

https://www.amazon.it/Zoja-Sperstad-interprete-sensibilit%C3%A0-dellemotivit%C3%A0/dp/B0CL53L3V5/ref=tmm_pap_swatch_0?_encoding=UTF8&qid=1700599771&sr=1-3

https://www.amazon.it/ZojaRoma-Art-Progetto-Espositivo-Sperstad/dp/B0CHL19RRR/ref=sr_1_2?crid=2L7FMEC4X0T8U&keywords=zoja+sperstad&qid=1700599876&s=books&sprefix=zoja+sperstad%2Cstripbooks%2C139&sr=1-2

https://www.amazon.it/ZojaRoma-Art-Progetto-Espositivo-Disandroarte-ebook/dp/B0CHRNX5Y7/ref=tmm_kin_swatch_0?_encoding=UTF8&qid=1700599876&sr=1-2

https://www.amazon.it/Sperstad-Lartista-dellarmonia-universale-dellamore-ebook/dp/B0BY1C6695/ref=sr_1_3?crid=2L7FMEC4X0T8U&keywords=zoja+sperstad&qid=1700600013&s=books&sprefix=zoja+sperstad%2Cstripbooks%2C139&sr=1-3

rnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrnrn