Veneto antico al femminile: dee, dee madri, donne

Nell'ambito dell'esposizione S-GUARDO OLTRE di Mara Ruzza domenica 9 ottobre alle ore 17:30 conversazione con Francesca Veronese, Musei Civici di Padova e Angela Ruta Serafini, archeologa

OTT 09

Quando? Terminato lunedì 10 ottobre 2016

Dove? Via VIII Febbraio, Padova, (Padova)
GPS: 45.4072886, 11.877055

45.4072886, 11.877055

Il pantheon veneto nel primo millennio a.C. è indubbiamente dominato da una divinità femminile, REITIA, protettrice del guado, quindi dei riti di passaggio, ma anche della scrittura, della tessitura, della guarigione e del parto. Accanto a lei altre figure femminili, tradotte dalla devozione popolare in piccoli bronzi che rinviano ai più diversi aspetti della vita delle donne, tra cui la fecondità e la maternità. Al primato divino si affiancano molti segnali di ruoli femminili non secondari, dalle principesse alle sacerdotesse, che riflettono un quadro sociale composito, di cui le donne sono partecipi a pieno titolo.

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Mara Ruzza) Commento pubblico o privato
Cliccando su "invia il messaggio" accetto che il mio nome e la mail vengano salvate per la corretta erogazione del servizio


  • Pubblicatalunedì 03 ottobre 2016